Vuoi diventare giornalista d'inchiesta?
ULTIMI POSTI

Non si deve essere degli strateghi per comprendere che la Nato, così com’è, è obsoleta. Anzi: dannosa per gli interessi europei e italiani. L’ultima denuncia nei confronti dell’Organizzazione viene dal generale Leonardo Tricarico. Non uno qualsiasi: dal 2004 al 2006 è capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica. Prima, invece, si è fatto notare dagli americani in occasione della guerra in Kosovo, dove ha lavorato accanto al comandante supremo dell’Alleanza atlantica Wesley Clarck. Non un anti-americano a prescidere, quindi.Tricarico, dicevamo, ha realizzato un’importante analisi per Askanewsnella quale ha ammonito la Nato: “Se non sapessimo davvero quali e dove sono le vere minacce alla sicurezza e alla stabilità dell’area euro-atlantica, ci sarebbe da sorridere. È uno strano comportamento quello tenuto dagli Usa negli ultimi sei o sette anni. Da un lato – osserva Tricarico nella sua analisi per Askanews – non perdono occasione per manifestare fin troppo esplicitamente insofferenza per l’iniqua ripartizione degli oneri nella Nato, che secondo loro graverebbe sulle spalle del contribuente statunitense in misura sproporzionata. Ma dall’altro accentuano, in maniera ormai inaccettabile, le pressioni sugli alleati affinché siano strumento di una politica che odora di stantio: scenari da guerra fredda di volta in volta riproposti facendo ricorso a una posizione dominante ancora indiscussa”. Insomma, al generale proprio non va giù la politica di aggressione alla Russia. E in questo caso, il pensiero di Tricarico si avvicina a quello di Vladimir Putin, che in più occasioni, l’ultima proprio ieri in occasione del Giorno della vittoria, ha ribadito che il pericolo principale è il terrorismo di matrice islamista.Si torna alla guerra freddaIl conflitto in Ucraina ha dimostrato che la Guerra Fredda non è mai finita. Anzi: il conflitto tra Usa e Russia sembra aumentare ogni giorno di più. Le esercitazioni Nato ai confini della Federazione si fanno sempre più frequenti così come i voli dei caccia russi sopra le teste dei marines americani.

Il generale Tricarico non ha dubbi: “Si tratta solo dell’ultima puntata di un copione che viene da lontano, una sorta di sordo richiamo della foresta in cui l’orso russo è il nemico numero uno, verso cui va non va mai abbassata la guardia. Una politica che trova orecchie particolarmente sensibili (o forse origina?) nei Paesi già appartenuti all’Unione Sovietica e ancora sospettosi, quando non ostili, nei confronti di Mosca. In questo quadro nascono vere e proprie provocazioni, che solo per fortuna non hanno ancora innescato una vera escalation ma che hanno gravi conseguenze nel confuso, e quello sì serio, scenario internazionale”.fuori_dalla_nato_commentaE giustamente il generale si chiede: “Non è giunta l’ora che la Nato cominci a pensare seriamente a irrobustire le sue capacità per battere il terrorismo, a mettersi a disposizione della comunità internazionale per frenare la follia stragista anziché far credere al mondo che il nemico sia la Russia?”. Domanda più che lecita.Italia, se ci sei batti un colpoInfine il generale Tricarico si chiede se non è il caso che i Paesi europei debbano prendere le distanze dalla ormai “stantia” politica americana: “Basterebbe che alla prossima ministeriale Nato un solo Paese chiedesse ad alta voce di  ristabilire gli equilibri in un’Europa che, anche se disunita, non ha bisogno di condizionamenti esterni né di relegare in un angolo la Russia, con la quale vogliamo misurarci con le nostre forze, le nostre valutazioni ed i nostri interessi. È troppo sperare che l’Italia lo faccia con lo stesso vigore con cui si sta battendo per cause altrettanto importanti come l’emergenza immigrazione e gli investimenti per l’occupazione?”. Come dargli torto?

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.