Politica /

L’Eni strappa con gli Emirati Arabi Uniti uno dei più importanti accordi degli ultimi anni. E con questo accordo, l’Italia non strappa soltanto un accordo fondamentale per gli idrocarburi del Golfo Persico, ma anche un accordo di fondamentale importanza nei rapporti con uno dei principali attori del Golfo Persico. E che per Roma è fondamentale anche, se non soprattutto, per ciò che riguarda la Libia

Cosa prevede l’accordo

L’accordo sul gas fra Eni e governo emiratino è un tassello estremamente importante. Il patto, concluso fra Eni e Adnoc, il colosso mondiale del gas e del petrolio con sede ad Abu Dhabi, prevede l’acquisizioni del 25% di un’enorme concessioni off-shore nel Golfo Persico. Come scritto nel comunicato dell’azienda di San Donato, “la concessione, che ha una durata di 40 anni, consiste nei giacimenti Hail, Ghasha, Dalma e in altri campi offshore situati nella regione di Al Dhafra”. 

“Il progetto produrrà più di 1,5 miliardi di piedi cubi di gas al giorno con avvio previsto verso la metà del prossimo decennio. Il gas prodotto dai giacimenti di Hail, Ghasha e Dalma potrebbe soddisfare oltre il 20% della domanda di gas degli Emirati Arabi Uniti”. Ed è questo che interessa particolarmente agli emiratini, poiché il loro primo punto in agenda è quello di scrollarsi di dosso la dipendenza dal gas del Qatar. 

Un accordo fondamentale per la Libia

Ma se il patto serve agli Emirati, serve soprattutto al governo italiano per strappare quote di mercato a britannici e francesi e per aprire un canale diretto con gli Emirati. Lo sbarco di Eni ad Abu Dhabi rappresenta una svolta fondamentale nei nostri rapporti, dal momento che gli Emirati rappresentano una potenza in ascesa in tutta la Penisola Arabica e un attore fondamentale per il presente e il futuro della Libia.

strip_articolo_occhi

Il ragionamento è semplice. L’Italia ha bisogno di consolidare la propria posizione in Libia riuscendo a interloquire in maniera sempre più stabile con Khalifa Haftar. Ma soprattutto deve fare in modo che la Francia conti sempre di meno nel Paese nordafricano. Gli Emirati sono fra i maggiori sostenitori di Haftar insieme all’Egitto. Egitto ed Emirati, con l’ascesa di Abdel Fattah Al Sisi, sono diventati alleati. E quindi, a Roma serve avere al proprio fianco sia Abu Dhabi che Il Cairo.

Una partita difficilissima

Il governo italiano sta riuscendo a vincere questa difficilissima partita, che si gioca su un equilibrio estremamente complesso. Nel cambiamento di strategia italiana in Libia, è fondamentale questo nuovo triangolo politico fra Italia, Egitto ed Emirati Arabi Uniti. Ed Eni è la nostra arma principale per intessere relazioni sempre migliori con questi due attori imprescindibili per il Paese nordafricano.

L’Italia, con questo nuovo governo, ma forse anche perché travolta dagli eventi, ha cambiato strategia. Non può puntare soltanto su Fayez al-Sarraj: serve anche Haftar, il generale della Cirenaica. In questo cambiamento di posizione giocano diversi fattori, in primis il nostro riavvicinamento alla Russia e la decisione di contrastare l’ascesa della Francia nelle decisioni del maresciallo di Tobruk. Ma un ruolo fondamentale lo giocano anche i rapporti con Il Cairo (ristabilito anche grazie al giacimento Zohr in cui Eni è protagonista) e con Abu Dhabi.  Ed è anche per questo motivo che si spiega il viaggio di Giuseppe Conte nel Paese del Golfo.

Ma il gioco, inutile dirlo, è estremamente pericoloso. E lo dimostra il fatto che, mentre Eni firmava lo storico accordo con gli emiri, un altro emiro, quello del Qatar, arrivava a Roma, accolto con tutti gli onori dallo stesso presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Tra Abu Dhabi e Doha le relazioni sono a dir poco complicate. L’equilibrismo, in quella regione, è difficilissimo. Le potenze si odiano fra loro e lo scontro fra EAU e Qatar, che riguarda anche la Fratellanza Musulmana, incide sulla Libia al pari dei rapporti con la Turchia.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME