Vuoi diventare giornalista d'inchiesta?
ULTIMI POSTI

Quest’anno, 2022, ricorre il trentesimo anniversario dello stabilimento di relazioni diplomatiche tra Italia e Azerbaigian. Ma questo è anche l’anno della guerra in Ucraina, della crisi energetica europea e del disaccoppiamento tra le due Europe. E Baku, all’interno di questo contesto conflittuale e imprevedibile, può giocare un ruolo-chiave – parola di Jens Stoltenberg e opinione condivisa da Mario Draghi.

La telefonata Draghi-Aliyev

Nella giornata dell’8 marzo, mentre la luce dei riflettori era puntata sull’Ucraina, il primo ministro italiano Mario Draghi e il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev discutevano telefonicamente dello stato delle relazioni bilaterali e della crisi energetica.

Rammentando come quest’anno, 2022, ricorra il trentesimo anniversario dello stabilimento delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi, Draghi e Aliyev hanno fatto il punto della situazione e commentato presente e futuro del partenariato strategico italo-azerbaigiano. Entrambi hanno “espresso soddisfazione per l’elevamento delle relazioni tra i due Paesi a livello di partenariato strategico”, hanno discusso “progetti di cooperazione di successo nel campo della cultura e dell’istruzione” e hanno enfatizzato “l’importanza della fondazione dell’Università Italia-Azerbaigian a Baku”.



Energia, sicurezza e molto altro

La conversazione telefonica è stata l’occasione ideale per discutere, tra i vari argomenti, delle ripercussioni per il mercato energetico mondiale della guerra in Ucraina. A questo proposito, Draghi e Aliyev hanno evidenziato la rilevanza che gioca e che continuerà a giocare il Corridoio meridionale del gas, del quale è componente fondamentale il gasdotto transadriatico, altresì noto come TAP, ed il ruolo-chiave dell’Azerbaigian nel comparto energetico italiano: è il nostro primo fornitore di petrolio ed il terzo di gas naturale.



Nella consapevolezza che la guerra in Ucraina, e in generale il clima di gelo tra i blocchi, continuerà ad avere effetti distorsivi nel mercato, Draghi e Aliyev “hanno convenuto di continuare il dialogo politico ad alto livello e lo scambio di visite al fine di rafforzare il partenariato strategico tra i due Paesi”. Parte della soluzione ai problemi di approvvigionamento energetico dell’Italia, in estrema sintesi, potrebbe provenire dall’Azerbaigian.

Questione energetica e relazioni bilaterali a parte, infine, “le parti si sono scambiate opinioni su questioni regionali, compresi gli eventi in Ucraina”.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.