SEO PER IL GIORNALISMO ENTRA NELLA NEWSROOM ACADEMY

L’Azerbaigian sta investendo molto nella promozione globale della propria immagine e nella riscrittura a proprio favore dell’assetto del potere nel Caucaso meridionale. L’obiettivo di breve termine è di capitalizzare al massimo la vittoria nella seconda guerra del Karabakh Superiore, attraendo investimenti dall’estero utili a foraggiare crescita, sviluppo e diversificazione, ma nel medio e lungo termine l’ambizione di Ilham Aliyev è molto più elevata: la costruzione di una “Pax Caucasia.

Il formato 3+3

L’idea di superare l’anacronistica piattaforma di incontro e dialogo rappresentata dal Gruppo di Minsk, il corpo multilaterale partorito dal ventre dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) nel lontano 1992, è stata presentata al pubblico mondiale a fine gennaio dai ministri degli Esteri di Turchia e Iran, Mevlut Cavosuglu e Javad Zarif. 

I due influenti diplomatici avevano proposto di dar vita ad un formato di cooperazione regionale di natura 3+3, quindi composto dai garanti della pace (Russia, Turchia, Iran) e dagli stati del Caucaso meridionale (Azerbaigian, Armenia, Georgia), in sostituzione dell’obsoleto Gruppo di Minsk, reo di inerzia e oggetto di critiche poliedriche da parte di tutti gli attori coinvolti a vario titolo nella questione Nagorno Karabakh.

Noi, comunque, già a inizio novembre, ossia due mesi prima della bilaterale tra Cavusoglu e Zarif, avevamo annunciato di aver captato segnali in direzione della volontà delle potenze regionali di sostituire e/o complementare il Gruppo di Minsk “con una nuova [piattaforma di dialogo], formata dalle tre potenze regionali direttamente coinvolte, ossia Mosca, Teheran e Ankara”.

La vera regia si trova a Baku

Il formato 3+3 è stato svelato a Istanbul, ma il padre dell’ambizioso progetto si trova a Baku. Nella giornata del 3 marzo, infatti, Cavusoglu ha ricevuto l’omologo georgiano, David Zalkaliani, nell’ambito di un incontro organizzato per discutere di cooperazione bilaterale e sicurezza regionale e durante il quale si è parlato anche del superamento del Gruppo di Minsk.

È nel corso di questa occasione che Cavusoglu, nel tentativo di persuadere la controparte a sposare l’iniziativa, ha dichiarato che l’idea del formato 3+3 è stata proposta originariamente dall’Azerbaigian. Tbilisi, ad ogni modo, pur apprezzando il fatto che la vera regia del proposto meccanismo abbia sede a Baku, sembra irremovibile: nessuna adesione a corpi multilaterali in cui sia prevista la presenza della Russia – a causa delle questioni Ossezia del Sud e Abcasia.

In sintesi, il formato 3+3 è stato ideato dall’Azerbaigian allo scopo di trovare una soluzione interna ai problemi del Caucaso meridionale, in primis il Nagorno Karabakh, e, alla luce di quella che potrebbe e dovrebbe essere la sua composizione, ha ricevuto il beneplacito e la benedizione delle principali potenze regionali perché de facto silenzierebbe la voce negli affari regionali della Comunità euroatlantica – la cui presenza viene da loro percepita con crescente acrimonia.

Il grande ostacolo alla materializzazione della piattaforma, quindi, non proviene dai grandi attori, ma dai piccoli: in primo luogo la Georgia, per via dei contenziosi attivi con la Russia, e in secondo luogo l’Armenia, la quale sta già accettando con malumore e titubanza l’intermediazione postguerra del Cremlino perché semplicemente costretta dalle circostanze. Come ha spiegato Cavusoglu all’omologo georgiano, però, l’adesione a dei canali multilaterali realmente improntati sull’efficacia può incrementare notevolmente le probabilità di risolvere diatribe e dirimere controversie, anche le più spinose; ed è precisamente su questo punto – i benefici del multilateralismo – che dovranno lavorare le diplomazie azera, turca, iraniana e russa per indurre i due stati ribelli ad appoggiare l’inizio dei lavori per l’agognata Pax Caucasia.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.