VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI

Rafforzare le relazioni economiche con l’Iran, approfondire la cooperazione tecnico-militare con il Myanmar, continuare a mantenere “l’amicizia senza limiti” stretta con la Cina di Xi Jinping. E ancora: incrementare il commercio con l’India, con il Medio Oriente e la regione africana. La Russia sta costruendo una nuova rete commerciale con la quale sostituire i vecchi rapporti con il blocco occidentale, ormai compromessi a causa della guerra in Ucraina.

Sono settimane frenetiche al Cremlino, tra ospiti da accogliere e viaggi istituzionali da preparare. Nei prossimi giorni, ad esempio, Vladimir Putin si recherà in visita ufficiale in Iran, e lo farà con la chiara volontà di rendere ancora più solidi i legami tra Mosca e Teheran. Durante la toruné iraniana, la prima di Putin da quando, lo scorso anno, Ebrahim Raisi è stato eletto presidente del Paese, non sarà discusso il tema dell’acquisto di droni iraniani da parte della Russia.

Dmitrij Peskov, portavoce del Cremlino, è stato chiarissimo: “Non abbiamo commenti su questo argomento”, mentre una fonte del ministero degli Esteri russo ha parlato di fake news in riferimento della “cooperazione militare-tecnica russo-iraniana” sollevata dagli Stati Uniti. “La storia della cooperazione tra la Repubblica islamica dell’Iran e la Federazione Russa nel campo di alcune nuove tecnologie risale a prima dell’inizio della guerra in Ucraina e recentemente non ci sono stati sviluppi speciali in questa relazione”, ha aggiunto il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Naser Kanani.



La nuova rete di Mosca

Se Mosca e Teheran sostengono di non voler fare leva sulla cooperazione militare, quanto su affari energetici, il tema militare torna in maniera esplicita nel rapporto tra Russia e Myanmar. Il capo della giunta militare al potere nel Paese asiatico, Min Aung Hlaing, si è infatti recentemente recato in visita a Mosca. Come riferito dal Cremlino, non c’è stato alcun incontro tra il leader militare birmano e il presidente della Russia, ma era in agenda un colloquio tra il generale e il direttore dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, Dmitryj Rogozin, oltre che con i rappresentanti della compagnia pubblica Rosatom. Il ministero della Difesa russo, citato dall’Interfax, ha spiegato che le due nazioni approfondiranno, appunto, la loro cooperazione militare e tecnico-militare.

Per quanto riguarda il commercio, impossibile non parlare degli ultimi dati che arrivano dalla Cina. L’import della Repubblica Popolare dalla Russia, in prevalenza petrolio e gas, è salito a giugno del 56,3% annuo, a 9,7 miliardi di dollari, in scia agli sconti sui prezzi offerti dal Cremlino dopo che Usa, Ue e alleati hanno sospeso la gran parte degli acquisti in risposta all’aggressione di Mosca ai danni dell’Ucraina. L’export, secondo le Dogane cinesi, è invece sceso del 17%. Nei primi sei mesi del 2022, l’interscambio della Cina con la Russia è salito del 27%, a 519 miliardi di yuan (77 miliardi di dollari). Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, nel 2021 la Cina ha comprato il 20% dell’export di greggio russo.

India, Brasile e Africa

Spostandosi in America Latina, è interessante soffermarci sul Brasile. Il ministro degli Esteri brasiliano, Carlos Franca, ha infatto rilasciato una dichiarazione emblematica: il Brasile sta lavorando per chiudere un accordo per comprare la “maggior quantità possibile” di gasolio dalla Russia, a un prezzo più economico. “La Russia è un grande fornitore di petrolio e gas. Lo si può chiedere alla Germania e all’Europa”, ha detto Franca assicurando che, al pari di altri Paesi, la Russa offre fornitori di gasolio “sicuri e affidabili”, importanti nel momento in cui si registrano problemi di raffinazione e di scarsità dei combustibili per il comparto agricolo e dei trasporti. L’intenzione, ha detto il ministro, è comprare “la maggior quantità possibile” di prodotto.

In Africa, invece, la Russia costruirà un sistema stabile di cooperazione con indipendente dalla politica occidentale: parola dell’ambasciatore russo Oleg Ozerov, a capo del segretariato del Forum di partenariato Russia-Africa. “Abbiamo un grande lavoro da fare che comporterà la costruzione di un sistema stabile di legami economici efficaci con il continente africano indipendente dalla politica di Washington o di Parigi e che ci consentirà di lavorare nell’interesse nazionale della Russia e degli Stati africani”, ha affermato durante una videoconferenza Mosca – Lagos (città della Nigeria) sulle sfide della sicurezza alimentare globale.

Attenzione, inoltre, al Medio Oriente: se a febbraio, ovvero prima dello scoppio della guerra in Ucraina, la Russia esportava in Medio Oriente 27mila barili al giorno di petrolio e raffinati, oggi siamo arrivati a circa 220mila. Vale la pena, infine, soffermarsi sull’India, o meglio sull’azione intrapresa dalle sue raffinerie. Il Financial Times aveva acceso i riflettori su quelle del gigante Reliance Industries, le quali – è l’accusa del quotidiano britannico – starebbero utilizzando greggio russo acquistato a basso costo per aumentare le esportazioni diesel. Insomma, nonostante le sanzioni e le proteste, la Russia sta costruendo una nuova rete di alleanze economico-commerciali capaci di sostituire – o almeno mitigare – il vuoto lasciato dall’Occidente.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.