La Corea del Nord è collocata geograficamente in una posizione strategica. È proprio per questo motivo che, nella sua millenaria storia, l’intera penisola coreana è finita più volte sotto le grinfie di potenze straniere. Cina, Russia, Giappone e Stati Uniti: in tanti hanno provato a dominare questa striscia di terra, che oggi è divisa in due stati diversi tra loro per sistema politico ed economico. Perché, dunque, tutto questo improvviso interesse per la Corea del Nord?

L’importanza strategica

L’avvento di Kim Jong Un ha reso la Corea del Nord ancor più importante in chiave anti americana. È vero che Pyongyang e Washington stanno lentamente avviandosi a un processo di riavvicinamento. Ma dall’altra parte è innegabile il profondo rapporto che lega Pyongyang a Pechino. Un rapporto tanto solido da esser paragonato a alla vicinanza tra “labbra e denti”. Mantenendo una certa influenza sulla Corea del Nord, la Cina può  usufruire di un cuscinetto per arginare gli impulsi americani nella regione. Non solo: le relazioni economiche tra il Dragone e la patria dei Kim si basano su base altrettanto solide.

Le risorse naturali

La Corea del Nord è un paese ricchissimo di materie prime. Si parla di oltre 200 minerali preziosi ai fini del commercio, tra cui oro, zinco, grafite, ferro e terre rare. Una società mineraria statale sudcoreana ha stimato la ricchezza nordcoreana in 6mila miliardi di dollari. Un istituto di ricerca di Seul è arrivata a quantificare il tutto addirittura in 10.000 miliardi di dollari. Nonostante Corea del Nord e Corea del Sud siano separate da un evidente dislivello di ricchezza, ci sono dati che fanno riflettere. Nel 2014 lo stato nordcoreano avrebbe estratto ferro per 3,4 milioni di tonnellate a fronte delle appena 600 mila accumulate dai sudcoreani

Le terre rare

Tra le materie prime più importanti vale la pena soffermarci sulle cosiddette terre rare. Con questo termine ci riferiamo a quei 17 elementi della tavola periodica che vengono utilizzati nella produzione dei dispositivi elettronici. Cellulari, tablet, computer, televisori sono soltanto alcuni esempi. Le terre rare sono inoltre un materiale rarissimo e sempre più ricercato. Si stima che su un totale complessivo di 120 milioni di tonnellate presente nel mondo, lo stato nordcoreano ne possegga ben 20. Dunque, gli amici di Pyongyang, almeno in teoria, possono contare su vantaggi simili.

La Nuova Via della Seta di Xi Jinping

Essere in buone relazioni con la Corea del Nord è fondamentale per la Cina. Non solo perché il Dragone è legato a Pyongyang da un “patto di sangue”, ma anche per reciproci interessi economici. La Nuova Via della Seta di Xi Jinping, infatti, includerà anche la Corea del Nord. Secondo alcuni analisti, proprio per questo motivo Kim Jong Un avrebbe intenzione di intraprendere alcune riforme economiche. Se non altro per facilitare l’aggancio alla locomotiva cinese.

La longa manus di Putin

Come includere la Corea del Nord nel mastodontico progetto della Nuova Via della Seta? Puntando sulla Trans-Korean Railway. Cioè l’estensione della Transiberiana all’interno della penisola coreana. La famosa ferrovia proseguirebbe da Vladivostok, attraverserebbe la Corea del Nord e arriverebbe fino a Seul, se non oltre. Concreta, dunque, è la possibilità di costruire una ferrovia del valore di 35 bilioni di dollari in grado di collegare Seul a Mosca. E qui entra in gioco Vladimir Putin. Lo Zar avrebbe la possibilità di giocare un ruolo di primo piano nell’estensione della connettività continente eurasiatico verso est, con conseguenti vantaggi economici.

Europa-Asia: connessione

Nel settembre 2017 Mosca e Seul concordarono una piattaforma commerciale trilaterale che includesse anche Pyongyang. L’obiettivo di fondo era – e rimane tutt’ora – il coinvolgimento della Corea del Nord in un progetto economico di larga scala. Con la connettività infrastrutturale dell’intera penisola coreana, tutti e tre gli attori raccoglierebbero frutti dolcissimi. La Russia diventerebbe un hub fondamentale nel collegamento tra Eurasia ed estremo oriente. La Cina accoglierebbe Pyongyang nella Nuova Via della Seta. La Corea del Sud uscirebbe dall’isolamento geografico con il resto del continente asiatico. E, infine, la Corea del Nord potrebbe finalmente migliorare i propri indici economici in linea con il “socialismo con caratteristiche coreane”.

I “nove ponti” di Moon Jae In

La benedizione a questo disegno è arrivata a gran voce anche da Seul. Il presidente Moon Jae In ha chiesto a Mosca di costruire “nove ponti” di cooperazione tra vari soggetti economici. Il leader sudcoreano si riferiva a concetti ben precisi, tra cui gasdotti, ferrovie, nuove rotte marittime che coinvolgessero il Mare del Nord, l’agricoltura e la creazione di nuovi gruppi di lavoro. Focalizzandosi sull’Estremo Oriente, il progetto trilaterale tra Russia e due Coree promuoverà il benessere all’interno dei paesi citati. In più spingerà la Corea del Nord a essere più responsabile in campo internazionale. Come d’altronde ha già dimostrato Kim Jong Un.

La Via della Seta “del Nord”

La cooperazione trilaterale sta andando avanti. Nella penisola coreana sono in atto studi tecnici per capire come realizzare il progetto. In campo sono scesi la Korea Gas Corporation (KOGAS) e larussa  Gazprom. Toccherà a loro proseguire un dialogo con il governo nordcoreano. Il piano prevede la costruzione di un’arteria energetica in grado di collegare Vladivostok a Pyeongtaek. Sul tavolo ci sono due percorsi alternativi, e quale dei due verrà utilizzato dipenderà da quali città nordcoreane verranno inserite in agenda.

Piano A e piano B

Nel primo caso il gasdotto partirebbe dal confine russo-nordcoreano, si protrarrebbe lungo la costa orientale fino a Wonsan, per poi accentrarsi e superare la zona demilitarizzata in direzione Chewon. Da qui, l’infrastruttura virerebbe sulla costa occidentale, coinvolgendo Paju, Incheon e Pyeongtaek. Il piano B resterebbe invariato fino a Wonsan, e nella parte finale da Chewon a Pyeongtaek; in mezzo ci sarebbe una curva che includerebbe Pyongyang e Kaesong. La lunghezza del primo percorso ammonterebbe a 1202 chilometri; quella del secondo 1505. Nel gasdotto transiterebbero la bellezza di 7,5 milioni di tonnellate di gas annue. 

Un boom immobiliare all’orizzonte?

Facciamo un passo avanti. Una volta che la penisola coreana sarà attraversata da nuove infrastrutture, sorgeranno nuove abitazioni. In Cina c’è chi si è già avvantaggiato, tanto che in giro sono spuntate diverse guide sugli investimenti immobiliari in Corea del Nord. Al confine tra i due paesi, alcune città cinesi prime anonime sono diventate di estremo interesse. A Dandong, per esempio, il valore di alcune abitazioni sarebbe raddoppiato. Tutto questo, se gestito a dovere, porterà ulteriore ricchezza ai soggetti coinvolti.