Dal COVID-19 impatto drammatico su sacerdoti e religiosi in America Latina con centinaia di morti

I vescovi della Conferenza Episcopale Venezuelana hanno comunicato alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) che da marzo 2020, inizio della pandemia da COVID-19, fino ad ora, 201 dei 2.002 sacerdoti, cioè il 10% del totale, hanno contratto l’infezione. 24 di loro, cioè l’1,2%, sono morti. Secondo le informazioni raccolte da ACS tramite il Catholic Multimedia Centre (CCM), in Messico dall’inizio della pandemia al marzo 2021, 245 sacerdoti e religiosi sono morti per complicazioni correlate all’infezione da coronavirus. Fra i deceduti vi sono 5 vescovi, 221 sacerdoti e religiosi, 8 religiose e 11 diaconi. Secondo il CCM le arcidiocesi più colpite sono quelle di Guadalajara, Città del Messico, Puebla, Morelia, San Luis Potosi, Toluca e Tlalnepantla.
In Perù hanno suscitato particolare commozione la morte di mons. Luis Armando Bambarén Gastelumendi S.J., vescovo emerito di Chimbote ed ex presidente della Conferenza Episcopale Peruviana, e quella di don Eduardo Peña Rivera, cappellano della Air Force peruviana a Piura; entrambi sono deceduti lo scorso marzo. La perdita più recente, avvenuta lo scorso 16 aprile, è quella di don Dergi Facundo, il quale ha speso l’ultima parte della vita recando conforto ai malati di COVID-19 e amministrando loro i sacramenti nelle regioni settentrionali del Paese.

La Colombia l’11 gennaio scorso ha perso mons. Luis Adriano Piedrahita, vescovo di Santa Marta. Secondo fonti di ACS, fra aprile 2020 e gennaio 2021 dodici gesuiti sono morti per l’infezione. La morte del frate francescano Gabriel Gutiérrez Ramírez, avvenuta lo scorso 2 aprile, è stato un duro colpo per i cattolici della capitale colombiana. Il religioso era noto come l’“angelo degli emarginati” per il suo apostolato rivolto ai senzatetto e per l’istituzione della fondazione “Callejeros de la Misericordia”.

Non si dispone di dati recenti relativi alla Bolivia, tuttavia a metà 2020 il portale “Información de la Comunidad de Bolivia” informava della morte per COVID-19 di 13 sacerdoti. Uno di loro era mons. Eugenio Scarpellini, vescovo di El Salto. L’arcidiocesi di Cochabamba ha perso 5 sacerdoti lo scorso febbraio.

Nel corso del 2020 Aiuto alla Chiesa che Soffre ha donato oltre 1,5 milioni di euro è ha realizzato 146 progetti per aiutare le Chiese dell’America Latina minacciate dal COVID-19. ACS attualmente sostiene circa 7.200 sacerdoti latinoamericani.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.