Centinaia di volontari di ACS aiutano gli sfollati ucraini in Polonia

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), oltre a stanziare, come primo contributo, 1,3 milioni di euro a sostegno dello sforzo profuso dalla Chiesa per soccorrere la popolazione ucraina, sta contribuendo a gestire l’afflusso di sfollati in Polonia, in particolare a Breslavia. Il Paese, che ha già oltre 1,5 milioni di rifugiati sul proprio territorio, accoglie gli ucraini che stanno attraversando la frontiera dirigendosi verso Przemyśl, città che garantisce un collegamento diretto con Breslavia.

Subito dopo l’inizio della guerra centinaia di volontari si sono presentati nella sede polacca della Fondazione e da allora l’Ufficio è rimasto aperto giorno e notte. La sede di ACS si trova proprio accanto alla Stazione Centrale, il che ha favorito l’accoglienza degli sfollati terrorizzati ed esausti. Le persone che scendono dai treni vengono immediatamente informate dai volontari circa il luogo in cui possono ricevere aiuto. Julka, una dei volontari di lunga data di ACS Polonia, è stupita dall’intensa attività di tutti i volontari: «Ce ne sono così tanti e a volte lavorano 24 ore al giorno». Tra le persone che aiutano i rifugiati c’è Damián, un seminarista, che viaggia ogni giorno dal seminario maggiore Salvatoriano di Bagno, a circa 40 km da Breslavia. «La metà dei seminaristi ha dato una mano in questi giorni», spiega.

I volontari si iscrivono al gruppo Facebook “Help for Ukraine – PKP Wrocław”, attraverso il quale si scambiano le informazioni organizzative e quelle relative ai beni necessari, ad esempio coperte, sacchi a pelo, bende, articoli sanitari, pannolini, calzini e scarpe per bambini, cibo con indicazione della scadenza. Grazie all’aiuto dei volontari tutto ciò che arriva negli uffici di ACS viene debitamente accatastato e classificato. La quantità di aiuti ricevuti da benefattori e amici è stata così grande da richiedere l’apertura di un ulteriore magazzino fuori città. Nel frattempo, le prime spedizioni verso l’Ucraina di generi alimentari urgenti sono già state effettuate.

Gli Uffici di ACS a Breslavia sono denominati “Stazione di dialogo”. «I proprietari di ristoranti vengono da noi portando zuppe e panini e molte persone stanno offrendo il loro aiuto per cucinare zuppe e stufati», racconta la volontaria Julka. In questo modo gli sfollati in arrivo possono ricevere immediatamente un pasto caldo e trovare un luogo dove riposare. C’è anche un’area speciale per madri e bambini, oltre a due centri, uno di assistenza medica e un altro di supporto psicologico gestito da Andżela, una donna ucraina che vive a Breslavia da due anni. «Le persone che arrivano qui sono traumatizzate. Non sanno cosa riserva loro il futuro e sono profondamente angosciate. Spiego loro che sono in buone mani». Ovunque c’è una risposta di grande gratitudine, e Julka racconta come gli sfollati chiedano costantemente il suo numero di telefono, «perché vogliono invitarmi in Ucraina quando tutto tornerà alla normalità».

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.