ACS: tre seminaristi sequestrati nello Stato nigeriano di Kaduna

Lunedì sera tre seminaristi del seminario maggiore Christ the King di Fayat, nello Stato nigeriano di Kaduna, sono stati rapiti e altri sei sono rimasti feriti. I seminaristi sequestrati sono studenti del quarto anno di teologia e appartengono alla Congregazione degli Apostoli della Divina Carità e dei Piccoli Figli dell’Eucaristia. Al momento dell’aggressione, poco dopo le 19:20 dell’11 ottobre, sul posto erano presenti 130 seminaristi, oltre al rettore e al personale.

Padre Emmanuel Okolo, il cancelliere della diocesi di Kafanchan che gestisce il seminario, ha dichiarato: «Chiediamo la vostra vicinanza nella preghiera per il rilascio celere e in condizioni di sicurezza dei nostri fratelli rapiti. Utilizzeremo ogni mezzo legittimo per garantire il loro rilascio rapido e sicuro». I militari sono intervenuti rapidamente e hanno soccorso i sei studenti feriti conducendoli al Salem Hospital di Kafanchan. Successivamente sono stati dimessi.

Secondo Thomas Heine-Geldern, presidente esecutivo di Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) Internazionale, «il rapimento di giovani seminaristi innocenti in Nigeria, ancora una volta, è un atto abominevole. Facciamo appello alla coscienza dei loro rapitori e li esortiamo a rilasciare questi giovani. Chiediamo alle persone di buona volontà di unirsi a noi nella preghiera affinché i tre seminaristi vengano presto liberati illesi. Allo stesso tempo chiediamo alla comunità internazionale di non distogliere lo sguardo dalle atrocità che si verificano ogni giorno e dalle continue sofferenze dei cristiani a causa di Boko Haram, degli attacchi dei Fulani e degli atti di violenza dei banditi in tutto il Paese».

I rapimenti del clero si stanno diffondendo in alcune parti della Nigeria. ACS ricorda in particolare i quattro seminaristi rapiti l’8 gennaio 2020 dal seminario maggiore Good Shepherd di Kaduna, di cui tre sono stati rilasciati mentre il quarto e più giovane, il diciottenne Michael Nnadi, è stato barbaramente ucciso.

Descrivendo la situazione della sicurezza in Nigeria come «terribile», Heine-Geldern ha invitato il governo a garantire la sicurezza dei cittadini, affermando che, in caso contrario, il Paese «corre il rischio di diventare uno Stato fallito».

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.