L’ex primo ministro della Francia, Manuel Valls, sta valutando l’opportunità di candidarsi alle elezioni per il sindaco di Barcellona del prossimo anno, come candidato per il partito spagnolo di centrodestra Ciudadanos. Valls, che è nato a Barcellona da padre catalano e madre italo-svizzera, è stato un critico della spinta indipendentista catalana, cui Ciudadanos fieramente si oppone.

L’attuale sindaco di Barcellona, ​​Ada Colau , è il leader di Barcelona en Comú, un movimento cittadino sostenuto da numerosi partiti di sinistra.

In un’intervista con l’emittente pubblica spagnola TVE, Valls ha detto che il movimento secessionista si è arrestato, lasciando la Catalogna molto frammentata. “Il progetto separatista è stato sterminato dalla risposta di Re Felipe e dell’Europa, ma le idee secessioniste continueranno e il processo sarà lungo perché la società è molto divisa“, ha detto.

Oltre alla chiara difesa dell’unità della Spagna e alla sua posizione pragmatica contro l’indipendentismo catalano, il “vallsisme” è nel suo Paese una miscela di terza via social-liberista nell’economia, con una mano forte in materia di terrorismo e sicurezza e repubblicanesimo centralista, che equivale a vedere tutti i cittadini davanti alla legge, al di fuori della loro comunità di origine.

Un anno e mezzo fa, Valls poteva avere tutto. L’allora presidente François Hollande aveva deciso di non presentarsi per la rielezione. E lui, socialista 37 da anni, con l’esperienza di essere il capo del governo in un periodo di attacchi sanguinosi, ha deciso di provarci. Ha perso nelle primarie del Partito Socialista davanti al candidato dell’ala sinistra, Benoît Hamon. Ha dunque, deciso di sostenere la candidatura del suo ex ministro dell’Economia, Emmanuel Macron, che si è presentato sotto una nuova insegna libera, En Marche!, così che Valls si tirasse addosso le critiche dei suoi compagni di partito per non aver sostenuto Hamon. Tuttavia, neanche Macron lo ha accolto a braccia aperte.

Quando nel giugno 2017 Valls voleva apparire sotto l’etichetta di En Marche!, il partito del presidente lo respinse, anche se accettò di non presentare un candidato alternativo in competizione con Valls nel suo distretto di Evry, la città di 52.000 abitanti di già era stato sindaco per ben 11 anni. Valls ha finito per ottenere il posto per 139 voti, tra la contestazione della stampa francese, per alcune controversie sul conteggio dei voti.

Manuel Valls, 55 anni, si è posizionato come un oppositore di alto profilo dell’indipendenza catalana negli ultimi mesi e ha partecipato a un raduno pro-unità a Barcellona a marzo. Il sostegno a Ciudadanos (Cittadini) è aumentato grazie alla sua dura posizione durante la crisi di indipendenza. Il gruppo regionale del partito, guidato da Inés Arrimadas, ha ottenuto il maggior numero di seggi e la maggior parte dei voti nelle elezioni catalane di dicembre, anche se i partiti indipendentisti hanno mantenuto la maggioranza parlamentare.

I legami di Valls con la politica catalana e il catalanismo sono antichi. In un’intervista con El País, lo scorso autunno, Valls ha ricordato la figura di suo nonno, Magí Valls, un nazionalista e cattolico catalano che fondò il giornale El Matí. “Sono venuto da una famiglia catalana”, ha detto. “Ho sempre parlato catalano, a metà degli anni ’70 i miei cugini mi hanno portato nel campo del Barça: c’era il calcio ma un po ‘di più, era più di un club L’11 settembre del 1976 andavo con mia madre alla grande manifestazione dello Statuto, conosco questa storia e so cosa hanno vissuto i catalani per anni o secoli “.

Oggi, in realtà, si pone come manifesto di una politica unitarista in convergenza con Madrid, ritenendosi comunque un secolarista, sulla scia del suo “mentore” politico Georges Clemenceau, credendo fortemente nel ruolo preminente della religione nella politica e nella società, come centro dell’identità nazionale