Rivali dalla notte dei tempi, Iran e Turchia sembrano oggi stringere un sodalizio nuovo e dalle mille sfaccettature che trascende la storica frattura tra sunniti e sciiti. Così, mentre l’Occidente è distratto dall’ inconsistenza dell’Europa, dalla morte cerebrale della NATO e, adesso, dalla pandemia, Erdogan prosegue il suo sogno neo-ottomano.

Omicidi, rapimenti e arresti

Quando Jamal Khashoggi venne ucciso, il presidente turco scatenò una campagna mediatica al vetriolo incolpando il principe ereditario Muhammad bin Salman per il crimine: gli scopi erano molteplici e, tra questi, rivendicare un maggiore controllo in Siria. Nel frattempo, in Turchia, la stessa indignazione non è stata riservata alle ai dissidenti iraniani che sono stati sorvegliati, minacciati, aggrediti e rapiti grazie a un tacito accordo di sicurezza con l’IRGC, che ha messo radici ad Istanbul e in altre grandi città turche. E’ dunque lecito ipotizzare che nessuna di queste “operazioni” avrebbe mai potuto svolgersi senza l’approvazione o quantomeno un voltarsi dall’altra parte dell’establishment turco. Il BESA Center for Strategic Studies in una sua ricerca, ad esempio, cita un caso paradigmatico di questo strano gioco di potere: Saeed Karimian, dirigente televisivo iraniano noto per aver lanciato una famosa emittente in farsi (GEM TV), ucciso ad Istanbul nell’aprile del 2017. Karimian era considerato in Iran un complice della propaganda anti-regime, colpevole della diffusione di valori occidentali e antislamici. Un anno prima della sua morte, un tribunale rivoluzionario di Teheran aveva processato Karimian in contumacia, condannandolo a sei anni di prigione con l’accusa di “agire contro la sicurezza nazionale” e “propaganda contro lo stato”. All’epoca dei fatti fu abbastanza semplice presumere il coinvolgimento del regime di Teheran nell’omicidio Karimian e, anche in quell’occasione, Ankara sembrò non dare troppo rilievo alla vicenda di cui si occuparono molto, invece, i media occidentali.

Secondo l’ intelligence americana, nel 2005, la Forza Quds ha diviso il mondo in otto regioni in termini di operazioni: Paesi occidentali (incluso l’ex blocco orientale); Ex Unione Sovietica; Iraq; Afghanistan, Pakistan, India; Israele, Libano e Giordania; Turchia; Nord Africa e penisola arabica. Solo la Turchia e l’Iraq furono prese in considerazione come singoli paesi piuttosto che come un gruppo di paesi. Le poche indagini turche sull’IRGC, ad esempio, hanno scoperto che le cellule della Forza Quds consistevano non solo di burocrati, giornalisti e politici turchi, ma anche di generali della Forza Quds. Una di queste cellule è stata coinvolta nel prendere di mira il consolato israeliano ed era pronta ad attaccare il consolato americano a Istanbul. Tentativi di indagine sulla Quds Force dell’IRGC nel 2011 e nel 2012 hanno comportato una severa punizione per gli investigatori turchi, un altro avvertimento implicito che l’IRGC è un’organizzazione di “intoccabili” liberi di continuare a uccidere gli oppositori del regime iraniano e accademici e giornalisti non islamisti turchi, spina nel fianco di Erdogan.

I campi di “collaborazione”

Oggi, pur conservando interessi contrapposti nella loro rivalità atavica, è indubbia la stretta fra le due nazioni, in particolar modo dopo il “colpo di Stato” del 2016: una stretta intrisa di militarismo islamista che va ben oltre la spaccatura tra sciiti e sunniti, compattandoli simbolicamente in un fronte islamista internazionale. Lì dove i nemici si dividono, le due nazioni si uniscono per indebolire i nemici comuni. Tra l’altro, proprio fra i golpisti arrestati dopo il “colpo di Stato”, vi furono numerosi magistrati che da dieci anni stavano indagando sui rapporti tra Quds e Erdogan.

Le due nazioni, ad esempio,  hanno collaborato più volte per contrastare la spinta curda verso l’autonomia. La Turchia ha anche facilitato un programma di riciclaggio di petrolio a favore dell’oro con l’Iran per eludere le sanzioni almeno dal 2012. Del resto queste stesse sanzioni hanno danneggiato indirettamente l’economia turca che ha bisogno estremo di energia, petrolio e gas iraniano. Negli Stati Uniti e in Europa, le organizzazioni sostenute dall’Iran e dalla Turchia spesso supportano candidati politici, agitano campagne politiche non proprie, e appoggiano regimi come quello dei Fratelli Musulmani, di breve durata, di Muhammad Morsi in Egitto, che lavorò con l’allora presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad e il comandante Quds Qassem Soleimani per sviluppare una rete di intelligence indipendente in stile IRGC.

I due modelli geopolitici, uno fondato sui corridoi di stampo IRCG e l’altro sulle aspirazioni neo-ottomane di Erdogan, sembrano dunque ispirarsi a vicenda nei modi e negli intenti. Erdogan lavora per conquistarsi il Mediterraneo orientale e esercitare la sua influenza in Libia; Teheran, allo stesso tempo, ambisce a realizzare i famosi ponti terrestri: uno attraversa Baghdad e poi la Siria, un altro passerebbe attraverso Baghdad e Al-Qaim al confine siriano e un terzo passerebbe attraverso Kirkuk e poi la Siria nord-orientale. Inoltre, un’eventuale presenza IRGC in mare contribuirebbe alla protezione degli interessi turchi in quel di Cipro, fungendo da deterrente verso le forze occidentali in loco.

Il nodo caldo del pianeta dove gli interessi di entrambe le nazioni sembrano sovrapporsi è indubbiamente la Libia, con ragioni ed obiettivi differenti. Per Erdogan è un passaggio fondamentale nella realizzazione della sua difesa in stile ottomano e per raggiungerlo non ha avuto scrupoli a servirsi di ex combattenti ISIS; l’Iran mira a seminare il caos nella regione, galvanizzare le sacche sciite e portare avanti la propria opera di propaganda. Le organizzazioni terroristiche come l’ISIS e al Qaeda e le loro ramificazioni africane sono in grado di dare, inoltre, un massiccio contributo sia ad Ankara che a Teheran per destabilizzare governi ed infiltrarsi con i propri interessi nel Maghreb così come nel resto d’Africa. In quest’ottica, per Erdogan, la collaborazione tra islamisti sunniti e sciiti è il ragionevole prezzo da pagare per spartirsi Africa e Medio Oriente con l’Iran.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME