Vuoi diventare giornalista d'inchiesta?
ULTIMI POSTI

È un peccato che l’ultimo rapporto dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr), intitolato Global Trends 2016 sia stato poco discusso e ancor meno analizzato. Perché in esso troviamo materia per capire qualcosa di più del mondo in cui viviamo e dei pasticci in cui ci troviamo.LEGGI ANCHE: Dadaab, la radio che ferma i migrantiGlobal Trends, in sintesi, ci dice questo: il numero dei profughi, cioè di coloro che hanno dovuto abbandonare le proprie case e i luoghi della loro vita a causa di emergenze umanitarie e violenze di ogni genere, nel 2015 ha raggiunto il punto massimo di tutti i tempi: 65,3 milioni di persone, tra le quali 21,3 milioni di rifugiati (ovvero i profughi che hanno ottenuto una protezione internazionale). Questi ultimi sono per il 51% minori, cioè ragazzi sotto i 18 anni d’età.Detto in altre parole, succede questo: ogni minuto, durante il 2015, nel mondo, 24 persone hanno perso tutto e sono dovute scappare per salvarsi la vita. Nel 2014 succedeva a 4 persone al minuto. Così il numero dei profughi cresce in modo esponenziale: 42,5 milioni nel 2011, 59,5 milioni nel 2014, appunto 65,3 milioni nel 2015. Rispetto alla popolazione mondiale (7,4 miliardi), una peraona su 113 è un profugo.Bill O’Keefe, vicepresidente del Catholic Relief Services, la grande organizzazione cattolica di assistenza ai profughi, ha commentato dicendo: “Il sistema dell’assistenza sta fallendo i suoi scopi perché ci stiamo riducendo a correre da una crisi all’altra. Il sistema ha urgente bisogno di una riforma ma la spinta politica verso questa riforma è inesistente”.LEGGI ANCHE: Chi sono i nuovi migranti in AmericaInesistente (e questo lo diciamo noi, non O’Keefe) forse non per caso. Se si analizzano i dati del Global Trends 2016 si nota subito che i tre Paesi al mondo che hanno “prodotto” più rifugiati sono Siria (4,9 milioni di rifugiati), Afghanistan (2,7 milioni) e Somalia (1,1 milioni). Siria (con 6,6 milioni) e Iraq (4,4 milioni) sono anche due dei Paesi in testa alla classifica dei profughi interni (primatista assoluta è la Colombia, 6,9 milioni), cioè le persone che hanno dovuto fuggire ma non sono uscite dai confini del Paese.La morale della favola è chiara. Ovunque abbiamo messo le mani con i nostri interventi più o meno armati per “esportare la democrazia”, “aiutare le rivoluzioni” e così via, abbiamo prodotto un disastro politico e umanitario. Non sarebbe il caso di smetterla?Tanto più che, una volta che il disastro si è prodotto, ci mostriamo quasi totalmente incapaci di gestirne le conseguenze. Sul tema dell’immigrazione l’Unione Europea è andata in mille pezzi. E quando si tratta di passare al famoso “aiutiamoli a casa loro” non è che le cose vadano molto meglio.banner_cristianiIn questi giorni si combatte a Mosul (Iraq) e le Nazioni Unite prevedono un incremento dei profughi da 200 mila a 1 milione di persone, secondo come andranno i combattimenti. Ebbene, i fondi destinati all’emergenza irachena per il 2016 sono stati raccolti solo al 58%, perché i Paesi più ricchi hanno il braccino corto. A cominciare dagli Usa, primi responsabili dell’invasione del 2003, che avevano promesso 284 milioni di dollari e si sono fermati alla metà. Anche se per le guerre in Iraq e Afghanistan finiranno con lo spendere, secondo i calcoli dell’Università di Harvard, tra i 4 e i 6 mila miliardi di dollari. Anche se tenere un solo marine in Afghanistan per un anno, pur se fermo in caserma senza sparare un colpo, costa la bellezza di 4 milioni di dollari.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.