Uno spot pubblicitario di un piccolo comune sta agitando il dibattito politico in questi giorni in Svezia. Teatro di questo scenario è la municipalità di Staffanstorp, non più di 20.000 anime poco a nord di Malmo. Si è dunque nella parte sud occidentale della Svezia, non lontano dall’asse viario dell’Öresund che collega la metropoli con la capitale danese Copenaghen.

Lo spot della discordia

Il filmato dura poco più di due minuti ed inizia con due donne, madre e figlia, che passeggiano in un contesto urbano degradato: graffiti sui muri, sirena della polizia di sottofondo, alcuni ragazzi di chiara origine non svedese che guardano malamente le due donne e scagliano contro di loro una lattina. Il senso di degrado è poi acuito dallo sfondo bianconero delle immagini e da una musica che evoca una profonda tristezza. Pochi secondi dopo lo scenario cambia: la famiglia a cui appartengono le due donne è intenta a traslocare e non appena il furgone in cui sono stati caricati i propri averi lascia la via degradata, tornano i colori e la musica dà un senso di sicurezza. È una sorta di “benvenuti a Staffanstorp”. Qui le due donne possono camminare tranquille, hanno un vicinato cordiale, vanno allo stadio senza problemi ed incontrano una quotidianità molto più serena.

In poche parole, è l’invito fatto dall’amministrazione di Staffanstorp a lasciare la metropoli ed a stabilirsi in un paradiso “per sole vere famiglie svedesi”, così come recitano le didascalie che scorrono mentre le immagini mostrano la serenità della vita in questa piccola cittadina. E per la Svezia è un vero e proprio terremoto politico e culturale: qui, nel Paese che negli anni ha sostenuto in maniera più forte le politiche di accoglienza diffusa in Europa, adesso le amministrazioni fanno leva sull’assenza di migranti nel proprio territorio per invitare la gente a trasferirsi. Anche se in realtà nello spot non vengono mai citati casi riguardanti in maniera esplicita i profughi presenti nelle metropoli, è chiaro il riferimento ai numeri che parlano di aumenti di reati ed omicidi nei quartieri dove i migranti sono più degli svedesi.

Il caso sotto un punto di vista politico e sociale

Staffanstorp, e questo è un altro elemento importante per capire la questione, non è amministrata dai Democratici Svedesi, il partito di estrema destra giunto terzo in occasione delle ultime legislative nel 2018. Il comune è retto da una giunta del Partito Moderato, formazione di centro – destra generalmente non considerata vicina alle posizioni più estreme. Dunque appare evidente come lo spot in questione ben rifletta un sentimento che in Svezia inizia ad apparire sempre più trasversale: quello del bisogno della sicurezza. Ed il caso relativo a Staffanstorp per tal motivo adesso è di portata nazionale. Se n’è discusso in parlamento, così come se ne sta discutendo a livello mediatico: chi è a favore dello spot parla di una questione delicata sempre più sentita dallo svedese medio, i detrattori del filmato invece hanno evocato anche gli spot nazisti.

Il punto è che in Svezia il modello scandinavo è in profonda crisi. E questo non riguarda solo il tema dell’accoglienza in sé: le preoccupazioni, oltre che relative alla sicurezza, stanno sempre più inglobando anche il welfare, che non può essere garantito anche ai migranti giunti nel Paese, e più in generale la qualità della vita degli svedesi. La quale, dati alla mano, è sempre più bassa: nelle metropoli soprattutto, furti, rapine, stupri ed omicidi appaiono sempre più in aumento. Ed in un Paese dove le notizie sui reati sono soggette ad una parziale censura in quanto, per evitare fenomeni di razzismo, non può essere divulgata la nazionalità di chi compie un crimine, lo spot sopra descritto appare il naturale sbocco di un malessere ed un malcontento sempre più diffuso.