Diventa fotoreporter IMPARA DAI PROFESSIONISTI

Un report riservato di 168 pagine del European External Action Service (Eeas) che illustra gli eventi degli ultimi anni (2015-18) sull’Operazione Sophia in atto nel Mediterraneo centrale è stato fatto avere, in modalità “leak”, al quotidiano statunitense Politico che ha conseguentemente pubblicato un pezzo dal contenuto parziale e quanto meno discutibile dal titolo La mortale strategia migratoria dell’Europa.

L’articolo di Politico punta il dito contro l’operazione Sophia perché avrebbe reso più pericoloso l’attraversamento degli immigrati nel Mediterraneo, in particolare a causa del sequestro delle barche di legno che sono poi state sostituite da altri tipi di imbarcazioni più precarie ed economiche. Il quotidiano statunitense puntualizza poi la collaborazione in atto con la Guardia Costiera libica, “composta da ex miliziani che hanno partecipato alla guerra civile”. Immancabile poi il riferimento all’Italia e al ministro dell’Interno Matteo Salvini, indicato come “leader di estrema destra” e fautore della politica che chiude i porti alle ONG.

Politico tra campagna anti-Trump e pubblicazione di informazioni private

Vale la pena fornire qualche informazione sul giornale in questione, con sede ad Arlington, Virginia, località nota per ospitare diversi istituti federali tra cui il Pentagono. La tiratura di Politico è stimata a circa 32mila copie e nel 2017 il sito statunitense calcolava 26 milioni di utenti al mese e 1.5 milioni per l’edizione europea. Il giornale è distribuito gratuitamente a Washington DC e New York City e il suo attuale amministratore delegato è il finanziere Patrick Steele, succeduto al fondatore e proprietario della omonima società di comunicazione, l’imprenditore Robert “Bob” Allbritton.

Nell’aprile 2017 Politico pubblicò un controverso articolo nel tentativo di documentare l’esistenza di un legame tra Donald Trump, il presidente russo Vladimir Putin e l’organizzazione ebraica ortodossa Chabad-Lubavitch. Nel novembre del 2016 invece l’ex direttore di Politico, Michael Hirsh, fu costretto a dimettersi dopo aver pubblicato l’indirizzo di casa di Richard Spencer, presidente del National Policy Institute (Npi, anche questo con sede in Virginia) e ideologicamente legato alla “white supremacy”.

Il “business model” dei trafficanti e il modus operandi

L’articolo di Politico non ha però preso in considerazione diversi elementi fondamentali per fornire un quadro completo sul fenomeno degli sbarchi, elementi ampiamente presenti nel report della Eeas come ad esempio il modello di business dei trafficanti, il loro modus operandi, nonché il ruolo delle Ong in mare, indicato come essenziale per facilitare il tragitto degli immigrati e dunque il business del traffico di esseri umani.

Nella parte iniziale del report della Eeas viene descritto il modello di business dei trafficanti, un’attività che rende annualmente dai 250 ai 300 milioni di euro e che si fonda su tre elementi essenziali:

  • Un sistematico flusso di immigrati che cercano di utilizzare la rotta centrale del Mediterraneo (CMR)
  • La possibilità di operare indisturbati in territorio libico
  • La capacità di poter effettivamente trasferire gli immigrati in Europa o su imbarcazioni di salvataggio

Fondamentale anche il ruolo delle “safe houses” in territorio libico che permettono di custodire gli immigrati nell’attesa di poterli imbarcare.

Per quanto riguarda i barconi in uso, inizialmente venivano utilizzate imbarcazioni di legno, più sicure e capienti; in seguito alle operazioni di sequestro di tali imbarcazioni (e dunque l’impossibilità di riutilizzarle), i trafficanti hanno iniziato ad utilizzare imbarcazioni gonfiabilidi dimensioni molto più limitate.

Secondo informazioni dell’intelligence citate nel report, le imbarcazioni di legno venivano acquistate da pescatori libici oppure importate da Egitto e Tunisia. I gommoni sarebbero invece importati dalla Cina e trasferiti in Libia via Turchia e Malta.

Le autorità maltesi avevano anche intercettato 20 gommoni imballati da far arrivare a Misurata ma non avevano proceduto con il sequestro in quanto “mancavano motivazioni legali per poter intervenire”.

Il report illustrava poi che tra la primavera e l’autunno del 2016 i gommoni più capienti con motore venivano sostituiti da gommoni più piccoli che venivano poi lasciati alla deriva in attesa dell’intervento di qualche Ong.

Se infatti prima del giugno 2016 i trafficanti effettuavano la chiamata di soccorso in mare per far poi partire l’imbarcazione dopo aver istruito gli immigrati su come navigare con il Gps, in seguito la strategia è cambiata, con i trafficanti che hanno iniziato a fare affidamento sulle imbarcazioni delle Ong che comunicano la propria posizione tramite Automatic Identification System (Ais).

In quel periodo ben 26 imbarcazioni legate a Ong venivano segnalate sulla rotta del Mediterraneo centrale. Una presenza che ha influito pesantemente sul traffico di immigrati, permettendo ai trafficanti di recuperare le imbarcazioni da utilizzare nuovamente per altri viaggi.

Per recuperare i gommoni da riutilizzare, i trafficanti hanno elaborato diverse strategie tra cui quella di farli seguire da un’imbarcazione con a bordo facilitatori camuffati da pescatori che si occupano poi di recuperare i gommoni una volta terminate le procedure di salvataggio.

Il report passa poi al periodo che va dal novembre del 2016 al maggio del 2017 e illustra le nuove modalità di traffico di quel periodo indicando che, in seguito ad alcuni incidenti, i trafficanti iniziavano ad operare con convogli (da 3 a 9 imbarcazioni) scortati da piccoli motoscafi in costante contatto con il Maritime Rescue Coordination Centre (Mrcc). In molti casi i facilitatori a bordo dei motoscafi venivano armati in modo da “tutelare” il proprio traffico da gruppi di trafficanti rivali.

Il documento scrive chiaramente che gli scafisti restano spesso in loco durante le procedure di salvataggio per poi trainare indietro le imbarcazioni da riutilizzare nuovamente, in quanto molte navi delle Ong non procedono con la distruzione delle barche utilizzate dagli individui messi in salvo.

Il report spiega poi che da dicembre 2017 i trafficanti hanno ripreso a mandare gli immigrati da soli facendoli navigare con il Gps e effettuando la chiamata al MRCC per poi attendere soccorso, questo per evitare l’arresto ma anche per evitare che l’imbarcazione si inoltrasse in mare senza alcun tipo di contatto, con il rischio di essere assaliti da altri trafficanti.

Il ruolo delle Ong

Per quanto riguarda invece il modus operandi delle Ong, il report illustra come le tattiche utilizzate restavano invariate, con molte imbarcazioni che spegnevano sistematicamente i transponder del sistema di identificazione automatica (AIS) impedendo in tal modo il monitoraggio delle loro attività da lontano. In aggiunta veniva anche utilizzato un aeromobile (Marine Patrol Aircraft) in volo da Malta per coprire un’area più ampia e coordinare meglio le operazioni di salvataggi.

Si legge inoltre nel documento che le navi delle Ong non hanno mai trasmesso le informazioni raccolte (sul tipo di barche, dichiarazioni dei migranti etc etc) alle autorità europee, rendendo così più difficile il contrasto alla tratta.

Interessanti anche i riferimenti ad alcuni episodi che indicano interferenze delle navi delle Ong nelle procedure di soccorso messe in atto dalla Guardia Costiera libica, come ad esempio il 6 novembre 2018 quando diversi immigrati si gettarono in mare per sfuggire alla Guardia Costiera e salire sulla Seawatch 3 (SW3).

La SW3 aveva iniziato le operazioni di soccorso nonostante la Guardia Costiera libica avesse intimato alla nave di allontanarsi per non complicare le procedure di soccorso. A quel punto però diversi immigrati si erano tuffati in mare nel tentativo di raggiungere il gommone della SW3 e non essere riportati in Libia.  La Guardia Costiera aveva cercato di salvare diversi degli uomini in mare, ma molti erano annegati.

.
Sogni di diventare fotoreporter?
SCOPRI L'ACADEMY