SOGNI DI DIVENTARE FOTOREPORTER?
FALLO CON NOI

Il Mar Nero diventa il palcoscenico di uno dei più gravi momenti di tensione tra Russia e Regno Unito. Secondo il ministero della Difesa russo, una motovedetta della Guardia di frontiera russa e un Su-24 dell’aviazione di Mosca avrebbero sparato una serie di colpi di avvertimento contro il cacciatorpediniere britannico Hms Defender. La Difesa di Mosca ritiene che la nave inglese abbia violato le acque territoriali attraversando il confine alle 11:52 ora locale.

Secondo i russi “è stato dato un avvertimento preliminare che sarebbero state impiegate le armi se i confini della Federazione russa fossero stati violati”. La Hms Defender a quel punto “non ha reagito all’avvertimento”, lasciando le acque dove sono stati sparati i proiettili intorno alle 12:23. I colpi sarebbero partiti sia dalla motovedetta che da parte del Su-24 decollato dopo l’ingresso della nave britannica.

L’episodio è avvenuto nei pressi di Capo Fiolent, in Crimea, territorio che la Russia considera parte della Federazione dopo l’annessione del 2014. Annessione che invece l’Occidente non riconosce, considerando quel territorio come appartenente all’Ucraina, paese che per il Regno Unito è un partner prezioso in termini di contenimento della Russia e anche per l’acquisto di sistemi d’arma, come recentemente confermato da diversi incontri ad alto livello tra le due Difese. Kiev adesso punta a entrare nella Nato, pur con le cautele confermate dallo stesso presidente Usa Joe Biden dopo il vertice G-7 e della Nato di questi giorni. E Londra rappresenta un prezioso aiuto.

Il ministero della Difesa russo ha convocato l’addetto militare dell’ambasciata britannica a Mosca per discutere dell’incidente e dell’attraversamento delle acque della Crimea da parte del Defender. “In connessione con la violazione del confine statale della Federazione Russa da parte del cacciatorpediniere della Marina britannica, l’addetto militare presso l’ambasciata del Regno Unito a Mosca è stato convocato presso il ministero della Difesa russo”, afferma la nota del governo russo.

Da parte di Londra per ora arrivano delle smentite. Il ministero della Difesa britannico infatti ha negato che siano stati sparati colpi di avvertimento contro la sua nave da guerra. La Bbc riporta una nota del governo britannico in cui si afferma che “la nave della Royal Navy sta effettuando un passaggio innocente attraverso le acque territoriali ucraine in conformità con il diritto internazionale”, dicendo in realtà che i russi stavano effettuando un’esercitazione di artiglieria nel Mar Nero. “Nessun colpo è stato diretto contro la HMS Defender e non riconosciamo l’affermazione secondo cui le bombe sono state sganciate sulla sua rotta”, ha continuato il ministero.