Come annunciato nelle scorse ore, il Pentagono ha confermato di aver stanziato un aiuto militare di 250 milioni di euro all’Ucraina. I nuovi fondi portano il valore dell’assistenza militare americana all’ex repubblica sovietica ad un ammontare di 1,5 miliardi dal 2014, da Kiev utilizzati, tra l’altro, per combattere il separatismo filo-russo nell’est del Paese. Come conferma il comunicato ufficiale del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, “i nuovi fondi forniranno attrezzature per sostenere i programmi di formazione continua e le esigenze operative”, comprese le capacità per migliorare “la consapevolezza e le operazioni marittime” nonché “la capacità difensiva” e “la capacità di sopravvivenza delle forze ucraine nelle operazioni speciali e terrestri” attraverso “la fornitura di fucili di precisione, lanciagranate con propulsione” oltre a visori notturni e quant’altro.

Il Pentagono sottolinea che “questa cooperazione in materia di sicurezza è resa possibile dai continui progressi dell’Ucraina in merito all’adozione di riforme istituzionali di difesa fondamentali per allineare l’architettura di sicurezza nazionale del Paese ai principi euro-atlantici”. In buona sostanza, il Dipartimento della Difesa promuove Kiev: sta facendo i giusti progressi per poter entrare in futuro nell’Alleanza Atlantica (Nato). “Queste riforme – sottolinea il Pentagono – rafforzeranno la capacità di Kiev nel difendere la propria integrità territoriale a sostegno di un’Ucraina sicura, prospera, democratica e libera”.

Il Pentagono arma Kiev fino ai denti

Il tentativo di Donald Trump di spezzare l’intesa fra Pechino e Mosca tentando di migliorare i rapporti con quest’ultima è fragorosamente fallito per via dell’inchiesta sul Russiagate, che ha de facto impedito al Presidente di realizzare uno dei punti focali della sua agenda di politica estera. Tant’è che la Russia ha guardato sempre di più a Oriente. “Cina e Russia – ha detto Xi, nel recente incontro con il Presidente Vladimir Putin – si supportano a vicenda e difendono gli interessi vitali l’una dell’altra”. Mosca e Pechino sostengono Maduro in Venezuela, mentre la Russia ha intimato gli Usa ad abbandonare i piani di inviare ulteriori truppe in Medio Oriente dopo l’attacco alle petroliere nel golfo dell’Oman. 

Ma ciò che Mosca non può proprio tollerare sono le ingerenze statunitensi nei Paesi ex sovietici come l’Ucraina, in particolare da “EuroMaidan” in poi. Lo scorso settembre, l’ex capo del Pentagono James Mattis ha ammesso che Stati Uniti stanno addestrando unità militari ucraine in una base nell’Ucraina occidentale. Washington ha anche approvato due importanti vendite di armi alle forze di terra di Kiev negli ultimi nove mesi. La prima transazione risale al dicembre 2017 ed era limitata alle armi leggere: tale accordo includeva l’esportazione di fucili M107A1 e munizioni, per una vendita del valore totale di 41,5 milioni di dollari. La transazione dell’aprile scorso è ben più seria. Non solo è più onerosa (47 milioni di dollari), ma include anche armi molto più letali, in particolare 210 missili anti-carro Javelin – il tipo di armi che l’amministrazione di Barack Obama si era rifiutata di dare a Kiev. Mosca ha immediatamente protestato.

I 250 milioni ora stanziati dal Pentagono erano stati precedentemente approvati dal Congresso; quest’ultimo aveva votato per due volte il sostegno militare a Kiev durante gli ultimi anni dell’amministrazione di Obama, ma la Casa Bianca ne aveva bloccato l’attuazione. L’amministrazione Trump lo ha invece approvato. Dal canto suo Mosca fa sapere di essere pronta a rispondere se gli Stati Uniti installeranno basi militari vicino ai confini russi, ha spiegato il presidente della Commissione per gli affari internazionali della Duma, Leonid Slutsky, in un’intervista rilasciata al canale televisivo Rossiya-24.

Cosa rappresenta l’Ucraina per la Federazione Russa

Nonostante molti commentatori ignorino quest’aspetto fondamentale, per la Federazione Russa l’Ucraina non è un Paese qualsiasi. Come spiega Sergio Romano in Atlante delle crisi mondiali (Rizzoli, 2018) “la goccia che ha traboccare il vaso della rabbia russa è stata la seconda crisi ucraina. Per i russi l’Ucraina non è un Paese straniero. È la terra in cui sono depositate le radici culturali e religiose della loro storia; e ha con la Russia, per molti aspetti, un rapporto simile a quello della Scozia con l’Inghilterra. Nelle manifestazioni di piazza contro le elezioni del dicembre 2004 e nella nuova occupazione di EuroMaidan dieci anni dopo, Mosca ha visto il denaro di George Soros e la mano organizzativa dell’Open Society, la sua rete di fondazioni culturali. Nei ripetuti viaggi a Kiev del presidente polacco Aleksander Kwaśniewski, durante la crisi, ha visto le ambizioni e lo spirito revanscista di Varsavia. Nelle dichiarazioni degli Stati Uniti, ha visto l’intenzione di spingere verso oriente la loro frontiera politico-militare”.

“Sono sciocche e imprudenti le potenze che credono di potere fare politica estera senza tenere conto di questi fattori – sottolinea Romano – Gli americani invece hanno preferito ignorarli”. Tesi condivisa da John J. Mearsheimer, uno dei maggiori esperti di relazioni internazionali, espressa in un celebre articolo pubblicato nel 2014 su Foreign Affairs: “Immaginate l’indignazione americana se la Cina avesse costruito un’impressionante alleanza militare, e cercasse di includervi Canada e Messico. La tripla iniziativa politica dell’Occidente – allargamento della Nato, espansione dell’Ue e promozione della democrazia – ha aggiunto benzina su un fuoco che aspettava di accendersi”.

Le élite negli Stati Uniti e in Europa, sottolinea, “sono state prese alla sprovvista solo perché aderiscono a una visione distorta della politica internazionale. Tendono a credere che la logica del realismo abbia poca rilevanza nel ventunesimo secolo”. Sul fronte ucraino, insomma, l’amministrazione Trump non ha fatto nulla per rimediare agli errori di Obama e sta proseguendo con il piano di allargamento a est dell’Alleanza atlantica, minando pericolosamente gli interessi strategici russi.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME