Non sono state 24 ore, come promesso, ma alla fine le Forze democratiche siriane hanno liberato Raqqa, l’ultima capitale dell’Isis. Lo riferisce Al Jazeera. La battaglia era iniziata a giugno ed è costata la vita a parecchi militari curdi oltre che a moltissimi civili, usati come scudi umani dalle bandiere nere. 

Secondo le stime delle truppe statunitensi, sono oltre 3500 i civili scappati la scorsa settimana dalle aree della città controllate dall’Isis. La loro liberazione è stata possibile grazie ad importanti accordi siglati tra i capi tribali locali e i jihadisti che si erano asserragliati nella città.

Domenica scorsa, ad esempio, un convoglio di membri dell’Isis ha lasciato Raqqa grazie ad un accordo di evacuazione mediato dai leader tribali. In cambio, decine di civili sono potuti fuggire dall’ultima roccaforte dello Stato islamico: “Ogni volta i cecchini ci sparavano, ogni volta che mi dicevo che dovevo andarmene da qui”, spiega Fatima Adnan Salam a Middle East Eye, dopo essere riuscita a lasciare Raqqa, dove purtroppo è rimasto suo marito.

L tribù arabe che abitano in città hanno contattato il Consiglio civile di Raqqa, cioè la sede amministrativa delle Sdf, e i combattenti di Daesh, per provare a mediare un cessate il fuoco in città e un patto di evacuazione. “Ogni volta che uccidete un terrorista, uccidente anche quaranta di noi civili, e distruggete le nostre case”, sarebbe stato il messaggio dei capi tribali al Consiglio di Raqqa.

Omar Aloush, un leader locale del Consiglio, ha fatto sapere che il generale responsabile della coalizione anti Isis in Siria e in Iraq si è rifiutato di permettere ai terroristi di lasciare Raqqa. La preoccupazione degli americani era che un’evacuazione dei terroristi da Raqqa avrebbe potuto rafforzare lo Stato islamico a Deir Ezzor.

“Trovate un modo di portare fuori i civili e di far arrendere i miliziani, e noi smetteremo di bombardare”, sarebbe stata la risposta di un generale delle Sdf alla delegazione di capi tribali arabi giunti nel Consiglio diRaqqa a chiedere la fine dei combattimenti e le evacuazioni.

Il portavoce delle Sdf, Talal Silo, ha annunciato che le operazioni militari a Raqqa sono terminate. Sullo stadio dove l’Isis giustiziava i malcapitati è stata issata la bandiera delle Ypg.

Uno Stato senza più capitali

Le bandiere nere, dopo Sirte e Mosul, perdono così anche la loro ultima capitale. Uno smacco mortale per i jihadisti, che così non possono più trovare alcun appiglio ideologico alla loro propaganda. Non a caso, Abu Muhammad al-‘Adnani, portavoce dell’Isis ucciso in un raid americano il 30 agosto del 2016, aveva detto che lo Stato islamico avrebbe dovuto cambiare la propria strategia, in caso di sconfitta sul campo: “Monoteisti, ovunque siate cosa farete per aiutare i vostri fratelli dello Stato islamico, attaccati da tutte le nazioni? Alzatevi e difendete il vostro Stato, dovunque voi siate. Se potete uccidere un infedele americano o europeo – specialmente gli schifosi francesi – o un australiano o un canadese o un qualsiasi infedele, inclusi i cittadini delle nazioni che ci stanno facendo la guerra, allora abbiate fiducia in dio e uccidete in ogni modo. Uccidete il militare e il civile, sono la stessa cosa. Se non potete trovare un proiettile o una bomba, usate una pietra per rompergli la testa, o un coltello, o investitelo con l’automobile o gettatelo dall’alto, o strangolatelo oppure avvelenatelo. […] Se i tiranni vi hanno sbarrato la porta per raggiungere lo Stato islamico aprite la porta del jihad in casa loro. Davvero apprezziamo di più un’azione piccola commessa in casa loro che un grande gesto qui, perché così è più efficace per noi e più dannoso per loro. Terrorizzate i crociati, notte e giorno, fino a che ciascuno non avrà paura del proprio vicino […] Saremo sconfitti e voi vittoriosi se prenderete Mosul o Sirte o Raqqa o tutte le altre città e noi torneremo come all’inizio? No, la sconfitta è perdere la volontà e il desiderio di combattere”.