Un gruppo di neonazisti ucraini ha sgomberato con la forza un campo rom di Kiev, vantandosi del violento pogrom su Facebook. La mossa è stata condannata da Amnesty International mentre il Congresso esprime preoccupazione per la glorificazione del nazismo che prende piede in Ucraina.

A Lysa Hora, nella periferia della capitale ucraina, dei neonazisti hanno costretto i rom a fuggire dal loro campo e poi hanno bruciato alcune delle 15 tende appartenenti agli stessi, ha detto Amnesty International. Gli stessi radicali si sono vantati del loro pogrom in un post su Facebook e hanno descritto le loro azioni come “argomenti convincenti e legali“, così come riferito su Facebook da Serhyi Mazur, il responsabile di C14. Hanno anche affermato di “disporre i rifiuti” lasciati dai Rom e “bruciare in sicurezza” le loro tende, così come hanno caricato le foto del campo devastato sui social media.

La testata ucraina LB.ua ha ottenuto un video che mostra come vengono dispersi gli occupanti del campo rom nel quartiere di Lysa Hora.

Nel video, si vedono fuggire alcuni genitori con figli da giovani uomini, alcuni dei quali indossano maschere per occultare il volto. Gli attaccanti sono mostrati a lanciare sassi e usare spray urticanti. Si possono udire i lamenti di alcuni dei rom, che piangono ed invocano l’aiuto della polizia. 

Il capo della polizia di Kiev Andriy Kryshchenko ha detto che la spazzatura è stata bruciata durante una pulizia del sabato a Lysa Hora, non in un campo rom. Ha detto che la polizia non ha ricevuto alcuna lamentela dai rom su eventuali atti di violenza nei loro confronti.

“Nella notte tra il 20 e il 21 aprile, membri del gruppo radicale C14 hanno devastato l’accampamento Rom nel distretto Goloseevsky di Kiev” , ha detto in una nota l’ufficio ucraino di Amnesty International, la ONG internazionale per i diritti umani. I radicali hanno usato “bombolette di gas, armi a lama e anche armi da fuoco” nel loro attacco; secondo la dichiarazione, si riferisce anche che alcune persone, inclusi bambini, hanno riportato ferite nell’incidente.

“È importante capire che chiunque potrebbe diventare un bersaglio di tali attacchi: rom, donne, attivisti anti-corruzione, ebrei, membri della comunità LGBT, così come giornalisti, artisti, studenti o scrittori,” Oksana Pokalchuk, il direttore dell’ufficio ucraino di Amnesty International, ha commentato così la questione.

Pokalchuk ha poi continuato a criticare le autorità ucraine per aver dato libertà ai radicali. “Nessuno può ora essere sicuro del fatto che non diventerà il prossimo obiettivo dei radicali, che hanno già una sensazione di impunità“, ha detto, aggiungendo che i servizi di polizia ucraini “rimangono inattivi” nella maggior parte dei casi.

Secondo la dichiarazione, i poliziotti, che sono arrivati ​​sulla scena quando i radicali avevano già dato fuoco al campo, hanno appena detto ai rom che “tutto stava bruciando” e hanno detto che avrebbero dovuto lasciare Kiev il prima possibile. Amnesty ha poi chiesto una “inchiesta urgente ed efficace” dell’incidente, aggiungendo che l’Ucraina ha “obblighi internazionali” per proteggere i diritti umani.

Il C14 è un gruppo particolarmente famoso di radicali ultranazionalisti ucraini. È stato fondato nel 2010 e ha stretti legami con il partito nazionalista “Svoboda” (“Libertà”). Un consorzio di ricerca e analisi del terrorismo (TRAC), con sede negli Stati Uniti, lo ha designato come un gruppo paramilitare che abbraccia un’ideologia di “razzismo” e “terrorismo urbano”.

L’ascesa del neo-nazismo in Ucraina ha recentemente provocato preoccupazioni a Washington. I membri del Congresso hanno attirato l’attenzione sul fatto che le autorità ucraine perseguono apertamente una politica di “glorificazione dei collaboratori nazisti, tra cui Stepan Bandera, Roman Shukhevych e l’Organizzazione dei nazionalisti ucraini (OUN) e dell’Ucraina Insurgent Army (UPA)”, aggiungendo che “questi paramilitari e individui … hanno la responsabilità dell’omicidio di migliaia di ebrei, 70.000-100.000 polacchi e altre minoranze etniche tra il 1941 e il 1945″.

In Ucraina, tuttavia, sembra essere ampiamente tollerato il dilagante consenso di questi movimenti estremisti e ultra-nazionalisti. Già alla fine del 2014, Pravy Sektor era riuscito ad entrare nel governo nazionale, e milizie come il battaglione Azov assorbito nelle forze regolari ucraine.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME