VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI

Trattare con Vladimir Putin per il futuro dell’Ucraina potrebbe essere molto più complicato del previsto. E non solo per la distanza, ancora piuttosto marcata, tra le richieste di Mosca e le concessioni di Kiev, ma anche e soprattutto per il comportamento del presidente russo: criptico, enigmatico e difficile da decifrare.

Secondo una delle opinioni più diffuse, basterebbe un incontro tra Volodymyr Zelensky e il capo del Cremlino per partorire seduta stante un accordo di pace o, se non altro, una tregua che consenta ai civili di rifiatare.

Lo stesso Zelensky, nel corso di una recente intervista, era sembrato quasi rassegnato quando ha dichiarato che l’unico modo per evitare lo scoppio della Terza Guerra Mondiale consisteva nel “parlare con Putin”. “Dobbiamo usare qualsiasi formato, qualsiasi chance di poter parlare con Putin. Se questi tentativi falliscono, allora vuol dire che questa è la Terza Guerra Mondiale. Sono pronto a negoziare. Sono stato pronto negli ultimi due anni. Senza i negoziati non si può mettere fine a questa guerra”, ha sottolineato il leader ucraino.

I “compiti a casa”

La risposta della Russia è arrivata nel giro di circa 24 ore. Giusto il tempo di prendere nota e rilasciare l’annuncio nell’ormai consueto briefing del Cremlino con la stampa. Dmitry Peskov, portavoce della presidenza russa, ha avuto l’occasione per fornire il feedback ufficiale di Mosca.

È impossibile, al momento, organizzare l’incontro Putin-Zelensky perché non è ancora stato trovato un accordo sui possibili risultati dei colloqui e, dunque, le parti non avrebbero nulla da mettere sul tavolo: questa la sintesi dell’intervento di Peskov, che ha poi lanciato una frecciatina velata all’indirizzo del governo ucraino.


Sostieni il reportage di Fausto Biloslavo in Ucraina con una donazione con Paypal o carta di credito, oppure con un bonifico:
ASSOCIAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL GIORNALISMO
BANCO POPOLARE DI LODI
Filiale di Milano, piazza Mercanti 5
IBAN: IT43L0503401633000000004244
CAUSALE: Reportage Ucraina
SOSTIENI IL REPORTAGE


Prima di un eventuale trattativa “c’è la necessità di fare i compiti a casa“, e cioè “tenere i colloqui e concordare i loro risultati”; soltanto a quel punto avrebbe senso sedersi attorno ad un tavolo e trattare. Ad oggi, Zelensky e Putin “non avrebbero nulla da documentare, non ci sono accordi da documentare”. Ma quali i compiti di cui parla Peskov? È probabile che il portavoce si riferisca alle condizioni richieste da Mosca e non accettate da Kiev, chiamata dallo stesso portavoce, non a caso, ad essere “più disponibile”.

Trattare con Putin

In un certo senso possiamo suddividere i negoziati in due livelli distinti. Da una parte troviamo quanto spiegato nel paragrafo precedente, ovvero la trattativa nuda e cruda da intavolare su punti e tematiche, dalla neutralità dell’Ucraina al ritiro dell’esercito russo e via dicendo. Questa dimensione rappresenta un nodo spinoso, ma comunque più facile da sciogliere rispetto al secondo livello, prettamente psicologico, che chiama in causa Putin in persona.

Immaginiamo la scena: Zelensky e Putin seduti, faccia a faccia, per discutere in merito al destino ucraino. Senza prima un’accurata preparazione, difficilmente il presidente ucraino riuscirà ad ottenere la fumata bianca. Neppure Angela Merkel, nel 2014, fu in grado di fare il miracolo.

A Milano, in occasione del vertice eurasiatico, la Cancelliera cercò, assieme agli altri leader europei, di trovare un’intesa con il capo del Cremlino chiedendogli un contributo decisivo per disinnescare le tensioni con l’Ucraina e, più nello specifico, il ritiro delle forze armate russe dalla Crimea. Niente da fare: Putin, di fatto, voleva che l’Ue riconoscesse il “golpe nazista” avvenuto a Kiev e che smettesse di dire che la Crimea era stata invasa dai soldati russi. Impossibile trattare con Putin, fu il verdetto di Angela Merkel, non certo l’ultima arrivata.

Questo precedente ci ricorda che, per negoziare con il presidente russo, è necessario calarsi a 360 gradi nella sua mente piena di richieste apparentemente inaccettabili per l’Occidente. Soltanto a quel punto, dimostrando fermezza su alcuni punti ma concedendo anche qualcosa su altro, forse potremo assistere alla fumata bianca. L’importante, per il capo del Cremlino, è che la exit strategy russa in Ucraina possa rendere la sua immagine vincente agli occhi del mondo.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.