La Corea del Sud ha svelato dati rilevanti riguardo il progetto preliminare del suo prossimo caccia multiruolo di nuova concezione: il Kai Kf-X; incorporerà alcune delle tecnologie impiegate dall’F-35 – grazie alla contributo di Lockheed Martin – e sarà armato con sistemi missilistici sviluppati in Europa.

A circa 30 mesi dall’annuncio del lancio del programma di sviluppo di questo nuovo vettore aereo, lanciato in compartecipazione con l’Indonesia (che sosterrà il 20% dei costi), la Defense Acquisition Program Administration (o Dapa) sudcoreana ha divulgato ulteriori informazioni sul progetto del caccia bireattore di nuova concezione che presto entrerà a far parte delle flotte aeree di RoKaF – Republic of Korea Air Force – e Indonesian Air Force.

Nonostante l’integrazione di tecnologie presenti sugli F-35 – di cui la Corea del Sud ha comunque ordinato 40 unità – il Kf-X sarà un caccia di 4ª generazione e “mezza”, e andrà a sostituire piattaforme più arretrate come gli F-16 C/D in servizio in Corea del Sud, e gli F-4 ed F-5 “Tiger” dell’aeronautica indonesiana. “Giunto al livello Pdr del programma, abbiamo confermato che tutti i requisiti di sistema sono stati soddisfatti nella progettazione preliminare per entrare nello stadio successivo”, ha affermato Jung Kwang-sun, a capo del gruppo di programmi Kf-X. “Abbiamo in programma di completare il lavoro di progettazione dettagliato entro settembre 2019 e iniziare la produzione dei primi prototipi”.

Nelle slide divulgate dal Dapa, il jet monoposto/biposto dal design (C-109) che ricorda fortemente un Lightning II è armato con sistemi missilistici europei, consistenti in un pacchetto diquattro missili air-to-air a lungo raggio “Meteor”– posti in posizione ventrale- e una coppia di missili air-to-air a corto raggio a guida infrarossa Iris-T trasportati su piloni sub-alari. Entrambi i sistemi sono sviluppati dal consorzio europeo MbDa. “È la prima volta che si vede un’immagine ufficiale del jet KF-X equipaggiato con missili europei”, ha dichiarato Kim Dae-young, ricercatrice del think tank Korea Research Institute for National Strategy. “Ciò significa che gli ingegneri Kf-X hanno appositamente modificato il design del jet per trasportare i sistemi di armamento europei al posto di quelli americani”.

Tale modifica apportata dal Dapa deriva dalla mancata approvazione per l’esportazione dei sistemi d’arma americani sviluppati da Raytheon – come i missili Aim-120 e Aim-9 “Sidewinder”; per questo i funzionari sudcoreani hanno ovviato con il pacchetto missilistico “made in Europe”. Una fonte accreditata avrebbe tuttavia rivelato alla testata Defence Newsche  la Dapa è ancora “aperta alla possibilità di integrazione missilistica aria-aria degli Stati Uniti” per il programma Kf-X. Ciò che invece è certo sono le dotazioni radar, che si baseranno su un prototipo radar ad hoc per il velivolo sviluppato da una collaborazione tra Hanwha Systems e Israel Elta Systems. Il programma Kf-X mira a produrre più di 120 unità, pianificando il primo volo dimostrativo nel 2021/22 e un periodo di test e valutazioni di almeno 4 anni. L’operatività della piattaforma è fissata al 2025/27.