L’estate del 2014, per il medio oriente, sarà molto difficile dimenticarla: nel giro di poche settimane, intere comunità secolari e che da decenni facevano parte del tessuto sociale di Siria ed Iraq, sono state spazzate via da un cataclisma militare e politico rispondente al nome di ‘Stato Islamico’, proclamato nel luglio di quell’anno presso la moschea di Mosul durante un discorso del sedicente califfo Al Baghdadi. Le bandiere nere si sono avventate, su queste regioni, al pari di una lunga onda di tsunami capace di radere al suolo interi territori: sono state tagliate le croci, distrutte le Chiese, aggrediti e perseguitati gli appartenenti alla minoranza yazida, tutto ciò che sembrava essere lontano dall’ideologia di morte del califfato è stato inghiottito dalla follia jihadista. In quel momento, migliaia di Cristiani hanno avuto l’atroce sensazione di non poter mai più rivedere le proprie terre natie: chi è riuscito a scampare alle uccisioni ed alle decapitazioni dei fondamentalisti, ha trovato riparo nelle regioni circostanti ma con lo spauracchio di vedere ulteriori avanzate delle bandiere nere. Oggi la situazione appare rovesciata: questo Natale sarà festeggiato in ogni comunità e villaggio dove i cristiani, prima della follia dell’ISIS, hanno sempre avuto una propria comunità.

cristiani_perseguitati_strip-1

Ad Aleppo è festa doppia

Non solo capitale economia di una Siria ancora in pace, ma anche crocevia multi religioso e multi etnico emblema della laicità dello Stato: fino al 2011, Aleppo era anche tutto questo; in città la comunità cristiana in quell’anno annoverava 150.000 fedeli ma oggi, secondo la fondazione ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’, sono circa 40.000. In tanti però sono in fase di ritorno: nel 2012 l’operazione militare attuata dei ribelli ha portato ad Aleppo diverse sigle jihadiste, le quali hanno subito iniziato a cancellare ogni riferimento alla presenza cristiana in città tra Chiese date alle fiamme e fedeli costretti a lasciare le proprie case; qui l’ISIS, durante i mesi in cui ha raggiunto il proprio apice nell’avanzata tra Siria ed Iraq, ha attecchito soltanto nella parte orientale della provincia, ma in città il fronte Al Nusra e gli alleati islamisti non hanno certo reso migliori le condizioni della minoranza cristiana rispetto alle comunità stanziate nei territori occupati dalle bandiere nere.

Le varie Chiese cristiane in questi anni hanno cercato di alzare la voce per far conoscere la situazione in Occidente: l’Arcivescovo maronita,  Joseph Tobji, nell’ottobre del 2016 è stato anche ascoltato in audizione presso la Commissione Esteri del nostro Senato e, in quella sede, ha denunciato le condizioni dei cristiani presenti ad Aleppo auspicando il ritorno dell’esercito regolare in tutta la città per riprendere una normale esistenza; anche l’arcivescovo siro – cattolico, Monsignor Jean-Clément Jeanbart, ha più volte fatto presente la persecuzione in atto contro i cristiani nelle zone della città controllate dalle forze jihadiste. Questo Natale, per tutta Aleppo, non può quindi che assumere un sapore particolare e completamente diverso rispetto a quello degli ultimi anni: in questa città, distrutta ma adesso nuovamente unita e sotto il controllo del governo, in questi giorni non si festeggia soltanto il Natale ma anche il primo anniversario della sua liberazione.

Pochi giorni prima delle festività dello scorso anno infatti, anche gli ultimi jihadisti hanno lasciato i quartieri da loro controllati dal 2012; simbolicamente, quando l’intera città è tornata a non avere più barricate improvvisate fatte di lamiere e detriti, sono stati montati diversi alberi di Natale pur tuttavia la ferita della guerra era, di fatto, troppo fresca nell’animo del territorio aleppino per poter per davvero respirare un clima natalizio. In questo dicembre 2017 invece, la situazione è radicalmente mutata: oramai Aleppo è libera dalle sacche jihadiste che per anni l’hanno tenuta sotto assedio, i cristiani possono tranquillamente festeggiare celebrando, allo stesso tempo, il primo anniversario della liberazione; alberi di Natale sono stati montati un po’ ovunque, i quartieri cristiani sono illuminati dagli addobbi e le Chiese lentamente riescono a tornare alla loro funzionalità. Non tutti i cattolici ed i maroniti sono tornati a casa, ma il clima da più parti viene descritto come festivo e di grande speranza: in tanti infatti, vivono nella convinzione di vedere, entro il 2018, il rientro di gran parte della comunità per poter finalmente completare la festa e cominciare a ricostruire la società.

Si ritorna a festeggiare il Natale anche nella piana di Ninive

Mosul, con quella moschea secolare oggi distrutta che, nel luglio 2014, ha ospitato il discorso della proclamazione dello Stato Islamico, è diventata emblema dell’espansione dell’ISIS in Mesopotamia; attorno a questa secolare città, la terza più grande dell’Iraq, da secoli sono stanziate numerose comunità cristiane che compongono una minoranza ben assortita nel tessuto sociale di questa regione. La piana di Ninive non ha infatti avuto soltanto nei minareti e nelle moschee i propri tratti caratteristici, da queste parti anche le Croci e le campane risultano essere fondamentali peculiarità di villaggi e paesi; qui la liberazione è avvenuta da poco, per tanti cristiani che stanno rientrando si tratta del primo Natale passato a casa dopo tre anni. All’AdnKronos vi è, in tal senso, un’importante testimonianza ad opera di padre Georges Jaholadi, sacerdote cattolico di Qaraqosh, la città con più cristiani in Iraq: “Si sta lentamente tornando alla normalità – dichiara il prete – Quasi tutte le parrocchie sono state riaperte, ci stiamo preparando al Natale”.

Gli Occhi della Guerra sostiene i cristiani di Aleppo. 
Se anche tu vuoi farlo 
Dona online o tramite bonifico
Iban: IT67L0335901600100000077352 Banca Prossima
Causale: ilgiornale per i cristiani
Per conoscere tutti i progetti per aiutare i cristiani di Aleppo, guarda qui

 

C’è però adesso un’altra sfida da affrontare: terminata la fase militare, con l’ISIS cacciato via dai territori dove vivono i cristiani di Mesopotamia, ora è tempo di ritrovare la quotidianità ma la battaglia in tal senso appare  molto ardua da portare a termine; manca di tutto, spesso le raccolte promosse da ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’ servono per acquistare generi di prima necessità, ma anche coperte e vestiti per chi ha perso la casa durante il conflitto e non ha materialmente un luogo dove abitare. La vita in queste terre, tra Mezzelune e Croci, lentamente ritorna assieme a chi rientra dopo essere scappato nel 2014, ma più le settimane avanzano e più ci si rende conto del dramma: non solo la tragedia della guerra e la ricostruzione fisica di luoghi dove poter pregare, a Mosul come ad Aleppo e nelle regioni dominate dalle bandiere nere fino a qualche mese fa a mancare sono quegli elementi essenziali per poter ritrovare adeguata serenità. Il Natale è tornato, il clima di festa che si è riuscito a creare in questo scorcio finale di 2017 appare un vero e proprio miracolo, ma le sfide per i cristiani scampati ai massacri dell’ISIS sono ancora tante e la strada appare in salita.

Sogni di diventare fotoreporter?
SCOPRI L'ACADEMY