VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI
Guerra /

Nella giornata di mercoledì la Camera dei Rappresentanti del parlamento Usa ha approvato il bilancio per la Difesa che prevede, tra le altre cose, lo stanziamento dei primi fondi per la nascita della sesta forza armata americana: la Space Force.

Con 377 voti a favore e 48 contrari, la Camera ha autorizzato lo stanziamento totale di 738 miliardi di dollari per il 2020, 22 in più rispetto allo scorso anno. La versione finale del National Defense Authorization Act (Ndaa) è il risultato di una votazione, a sorpresa, bipartisan tra repubblicani e democratici tanto da far esultare il presidente Trump su Twitter, che, come anche riportato dalla Cnbc, si lascia andare ad un “wow” che sottolinea come tutte le priorità della sua amministrazione in merito alla Difesa, tra cui proprio la Space Force, siano state approvate.

Prima di addentrarci nella trattazione della Space Force, è utile dare uno sguardo alle voci generali del bilancio per la Difesa. Come già accennato gli stanziamenti sono aumenti di 20 miliardi, pari al 2,8% rispetto all’anno precedente; la maggior parte dei fondi (658,4 miliardi di dollari) va ai programmi del Dipartimento della Difesa e dell’Energia, 71,5 miliardi sono destinati per le missioni militari e 5,3 per il pagamento dei danni da disastri naturali.

Trump ha aumentato lo stipendio delle truppe: la voce personale infatti ha visto un aumento dei fondi pari al 3,1% e contestualmente ha aumentato anche le ferie retribuite portandole a 12 settimane l’anno. Il Ndaa autorizza anche lo stanziamento di 300 milioni di dollari per l’Ucraina nel quadro della Security Assistance Initiative oltre che fondi per far fronte alla progressiva minaccia rappresentata dalla Cina.

La Space Force americana

La decisione di stabilire una nuova forza armata dedicata all’utilizzo militare dello spazio era già nel programma elettorale del presidente Trump, che proprio l’anno scorso, verso giugno, aveva ufficialmente lanciato l’idea della Space Force.

“Sono qui per ordinare al Dipartimento della Difesa e al Pentagono di avviare immediatamente il procedimento necessario per istituire una Forza Spaziale come sesto ramo delle forze armate” questo era stato l’annuncio di Trump durante una riunione del National Space Council aggiungendo che “Avremo l’Air Force e avremo la Space Force. Separate ma uguali. Sarà qualcosa di molto importante”.

Proprio partendo da questa ultima considerazione del presidente Usa intendiamo fare la prima riflessione: la decisione americana è in controtendenza rispetto a quanto intrapreso dalla Russia, che ha riunito i comandi dell’Aeronautica e quello Spaziale in uno solo, razionalizzando quindi la catena gerarchica con la creazione della Vks (Vozdušno-kosmičeskie Sily) la forza aerospaziale russa già Vvs (Voyenno-Vozdushnye Sily).

L’idea aveva trovato resistenze interne all’amministrazione Trump, con James “Mad Dog” Mattis, allora a capo del Dod (Department of Defense) che si era opposto fermamente, supportato anche dal capo di Stato maggiore dell’Us Air Force, il generale David L. Goldfein per dei motivi facilmente immaginabili: l’Usaf avrebbe perso il controllo diretto più che sulle operazioni spaziali, sulla gestione della progettazione degli assetti connessi all’attività spaziale, come i satelliti e, probabilmente, anche i radar di allarme precoce (early warning).

Non è un caso che il comando della Space Force sia stato posto a Colorado Springs ad un passo dal centro Norad della Cheyenne Mountain e dove ha già sede la Peterson Afb (Air Force Base), che vede il centro nevralgico del Norad e del Usnorthcom, il comando unificato delle forze armate nord.

Già nel 2016 era stata creata la Smf (Space Mission Force): un reparto inquadrato nel 50esimo Space Wing di base a Schriver (Colorado) posto sotto il controllo diretto del Comando Spaziale (Afspc) con il compito di monitorare ed impiegare al meglio tutti i sistemi satellitari militari e di intraprendere azioni offensive e difensive volte a mantenere la supremazia americana in questo campo di battaglia.

Il provvedimento di Trump completa l’istituzione degli “Space Corps” che dal gennaio 2019 sono un reparto che, così come i Marines dipendono dall’Us Navy, è soggetto al Dipartimento dell’Air Force ma opera in modo indipendente con il compito di sovrintendere a tutti i programmi di acquisizione spaziale: dall’addestramento all’equipaggiamento passando per l’organizzazione.

L’ultimo passaggio è stato, il 29 agosto di quest’anno, la creazione del Us Space Command, un nuovo comando retto da un generale dell’Usaf (John “Jay” Raymond) che è servito da precursore per l’attuazione della Space Force.

Tra gli altri compiti della nuova Space Force troviamo anche il monitoraggio dei satelliti orbitanti che sono collegati ai sistemi di difesa statunitensi sparsi nello spazio, e lo stanziamento iniziale di 72 miliardi di dollari costringerà molto probabilmente a fare abbondante ricorso a sinergie di personale tra quello dell’esercito e quello dell’Usaf.

Subito dopo il passaggio al Senato americano, che si prevede possa avvenire già la prossima settimana, l’esecutivo dovrà creare la figura di capo delle operazioni spaziali per dirigere il nuovo organismo militare, e il rappresentante scelto risponderà in linea gerarchica al comandante dell’Usaf, ma siederà con pari grado nel consiglio degli Stati maggiori al Pentagono.

Lo spazio al centro della guerra del futuro

Che sia un comando a parte come quello americano, o un comando unificato a quello dell’aeronautica come quello russo, una cosa è certa: la Space Warfare, la guerra nello spazio, rappresenta una delle ultime frontiere, insieme al Cyber Warfare, della guerra moderna e per la prima volta anche la Nato sotto la spinta dei suoi membri europei, ha intenzione di seguire la stessa strada di Russia e Stati Uniti.

Il segretario generale dell’Alleanza Atlantica, Jens Stoltenberg, ha infatti affermato, durante il recente vertice londinese, che lo spazio costituirà per la prima volta un dominio operativo per la Nato e che “questo permetterà ai pianificatori della Nato di richiedere agli alleati di provvedere a fornire capacità e servizi, come quelli dei satelliti da comunicazione”.

“Lo spazio è parte della nostra vita di tutti i giorni sulla Terra. Può essere usato per scopi pacifici, ma può anche essere usato in modo aggressivo” ha proseguito Stoltenberg “i satelliti possono essere hackerati, disturbati e perfino armati. Le armi anti-satellite possono infrangere la rete di comunicazione e altri servizi su cui si basa la nostra società, come quello dei trasporti aerei, delle previsioni meteo o la rete bancaria. Lo spazio è anche essenziale per le capacità di difesa e deterrenza dell’Alleanza, che includono la navigazione, la raccolta di informazioni e l’individuazione di lanci missilistici”.

Siamo ancora lontani da scenari futuristici che vedono l’utilizzo di truppe spaziali armate di fucili laser (anche se la strada sembra essere quella) ma lo spazio è diventato uno dei tanti teatri dove le potenze mondiali si confrontano militarmente cercando di ottenere una supremazia che si riflette sugli assetti terrestri delle Forze Armate.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.