diventa reporter con NOI ENTRA NELL'ACADEMY

La lotta degli Stati Uniti contro i militanti dello Stato islamico rischia di tramutarsiin un lento ed inesorabile fallimento, come la guerra del Vietnam. È quanto scrive in una lettera inviata al segretario alla Difesa Ash Carter, il presidente della Commissione Servizi Armati del Senato, il senatore John McCain.

Quest’ultimo, pilota pluridecorato nella guerra del Vietnam (fu abbattuto sopra Hanoi, nell’ottobre del 1967 e catturato dai nordvietnamiti rimanendo prigioniero di guerra per i successivi sei anni), critica l’approccio della Casa Bianca in Medio Oriente.L’attuale linea politica – scrive McCain – determinerà una graduale escalation, pensiero che condividono anche i militari sul campo che pagheranno un prezzo altissimo.La posizione di McCain è la medesima già espressa in audizione al Congresso.

Nella lettera, il presidente della Commissione Servizi Armati del Senato chiede l’esatto numero dei militari americani presenti nella Regione, compresi quelli implementati per operazioni classificate.

Secondo le stime ufficiali, meno di 4mila soldati americani sarebbero stati schierati a sostegno dell’operazione Inherent Resolve in Iraq, ma i legislatori considerano tali cifre fuorvianti. Il Pentagono, infatti, non inserisce nel computo finale le truppe in rotazione per brevi periodi. L’amministrazione Obama ha ripetutamente promesso che non avrebbe inviato truppe combattenti contro l’Isis, limitandosi al ri-schieramento di piccole unità delle forze speciali per eliminare le figure di alto profilo del gruppo terroristico.

“Dobbiamo conoscere il reale numero dei nostri militari impegnati contro lo Stato islamico – continua McCain – e fornire loro le risorse necessarie per completare la missione e tornare a casa. Chiedo, inoltre, di conoscere la reale capacità della forza che dovrà riconquistare Mosul e Raqqa”. Durante l’ultima guerra in Iraq, politici e militari invocarono un confronto con la guerra del Vietnam al presidente George W. Bush, per elaborare una strategia di uscita dalla Regione. Obama – conclude McCain – ritirando le truppe dal paese all’inizio della sua presidenza ha consacrato la nascita dello Stato islamico.