Guerra /

Il governo italiano ha scelto da parecchi mesi una linea particolare per la nostra Difesa. Ok all’asse con Washington, approvazione di un ruolo sempre più forte della Nato, ma soprattutto una strana politica affine a Parigi che vede le nostre forze armate inviate in tutti i teatri di guerra in cui Emmanuel Macron chiede un coinvolgimento delle altre potenze. Inutile cercare una leadership: il governo giallo-.rosso sembra aver abdicato completamente a questa possibilità puntando invece su una più placida convivenza europea in cui non si vuole far guerra a nessuno. Meglio rimanere formalmente amici di tutti: ma l’impressione è che da parte di Roma sia più arrivato l’ordine di non dare fastidio a Parigi. A tal punto che si dà l’ok a ogni iniziativa richiesta da Macron, colui che fino a pochi mesi fa era arcinemico anche del Movimento Cinque Stelle e che invece adesso, dopo il cambio di governo, è diventato uno dei più fermi alleati.

La giravolta grillina si ripercuote chiaramente sulla strategia italiana. Strategia che vede chiaramente un contributo fondamentale dall’avvento del Partito democratico, da sempre una delle colonne portanti del “partito filo-francese” interno all’Italia. E così ecco che è arrivata la svolta: da avversari a alleati il cambio di passo è stato brevissimo. E lo si vede soprattutto in chiave militare, dal momento che l’Eliseo punta da tempo a prendere le redini di ogni iniziativa militare europea che però non abbia, necessariamente, il placet dei Ventisette. Specie dopo l’uscita di scena dell’altra potenza militare Ue: il Regno Unito.

In questi mesi di coabitazione giallorossa a Palazzo Chigi, il governo ha dato il via libera a tutte le richieste di Macron in sede di Difesa europea. L’Italia è entrata nell’iniziativa europea di intervento, l’esercito parallelo alla Pesco voluto fortemente da Macron e fermato dal governo Conte I (quello del premier anti-Parigi e sovranista). L’Italia ha sostenuto la possibilità di rinnovare l’operazione Sophia con garanzie decisamente aleatorie da parte dell’Europa. Il governo dato il via libera alla missione navale nello Stretto di Hormuz a guida francese, e il tutto nel silenzio generale dell’esecutivo che ha già diversi problemi nel confermare il finanziamento delle missioni internazionali. E infine, l’ultima notizia, arriva su uno dei fronti bollenti della Francia in Africa: il Sahel. Perché adesso, dopo che Parigi per anni ha messo i bastoni tra le ruote a qualsiasi ingresso di soldati italiani nell’area – emblematici gli ostacoli alle nostra missione in Niger -, l’Italia ha deciso, su richiesta francese, proprio di rafforzare la propria presenza militare nella fascia africana da sempre territorio di caccia dell’Eliseo. Un paradosso che si può spiegare in un solo modo: la Francia non può più permettersi i costi esorbitanti di Barkhane e del finanziamento e supporto del G-5 Sahel e gli Stati Uniti non hanno risposto in maniera affermativa alle richieste francesi di un maggiore coinvolgimento nella lotta al terrorismo africano.

Così, visto che da Washington è arrivato il niet e la Turchia di Recep Tayyip Erdogan continua a infiltrarsi nella regione africana, ecco che dalla Francia è arrivata una nuova idea: chiamare a rapporto gli alleati europei. E l’Italia non poteva certo rifiutarsi. Come scriva anche La Stampa, è chiaro che gli obiettivi strategici italiani siano chiari: da una parte rafforzare il fronte meridionale della Libia bloccando i flussi di migranti e ribelli provenienti dal cuore dell’Africa; dall’altra parte trovare maggiori convergenze con la Francia al fine di trovare un sempre maggiore allineamento sui vari dossier internazionali. Dossier che però non trovano spesso convergenze tra Italia e Francia, specialmente in Africa. In Libia, Parigi ha sempre fatto il possibile per fermare la strategia italiana. In Sahel, come ricordato prima, la Francia ha fatto di tutto per evitare i nostri soldati operassero liberamente in Niger. in Egitto abbiamo interessi decisamente divergenti: come dimostrato dallo scontro sull’export militare. Ma adesso le cose vanno bene (per Parigi): l’Italia avalla tutte le proposte francesi. E Macron ringrazia.