Guerra /

Gli yazidi sono una minoranza etnica e religiosa con una cultura che risale a oltre 6mila anni fa, vivono principalmente nelle parti settentrionali dell’Iraq e della Siria, con comunità di migranti in Europa e Nord America.

Nell’estate del 2014, il cosiddetto Stato islamico ha lanciato un attacco sistematico contro i civili in Siria e nel nord dell’Iraq. Il 3 agosto, la campagna di sterminio raggiunse Sinjar, che all’epoca ospitava la maggior parte degli yazidi del mondo, una minoranza etnico-religiosa con secoli di storia in tutto il Medio Oriente. La commissione internazionale indipendente d’inchiesta delle Nazioni Unite sulla Repubblica araba siriana, nel suo rapporto sui crimini commessi contro gli yazidi, ha osservato: “La data del 3 agosto 2014 è diventata una linea di demarcazione, delimitante quando una vita è finita e per coloro che sono sopravvissuti, quando è iniziata un’altra, infinitamente più crudele”.

Nelle settimane che seguirono, ricorda la Yazda Global Organisation, circa 12mila yazidi furono assassinati o rapiti da Daesh. Si stima che 6.800 yazidi, soprattutto donne e bambini, siano stati rapiti e sottoposti ad abusi sessuali, psicologici e fisici prolungati. I militanti dell’ISIS hanno anche costretto gli yazidi a convertirsi all’Islam e hanno separato i ragazzi più giovani dalle loro famiglie, mandandoli nei campi di rieducazione e poi in prima linea come bambini soldato. Il genocidio ha preso di mira anche il ricco e antico patrimonio culturale del popolo yazidi. Alcuni dei siti religiosi e culturali più importanti sono stati sistematicamente distrutti dal gruppo. Daesh ha anche posto trappole esplosive nelle case degli yazidi, impedendo completamente agli yazidi di tornare in patria, anche molto tempo dopo che il cosiddetto “Califfato” è stato ampiamente sconfitto in Iraq.

Le Nazioni Unite, il Parlamento europeo, il Consiglio d’Europa, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti d’America e i parlamenti di Armenia, Australia, Canada, Francia, Scozia e Regno Unito hanno tutti riconosciuto che i crimini commessi da Daesh contro gli yazidi equivalgono a un genocidio. Tuttavia, fino ad oggi ricorda la Yazda Global Organisation, a cinque anni dall’inizio del genocidio, non vi è ancora stata giustizia e quasi 3mila donne e bambini rimangono dispersi, con molti sospettati di essere ancora in cattività.Gli yazidi non sono ancora stati in grado di tornare alle loro case e non sono state prese misure significative per risolvere le questioni politiche e di sicurezza in Sinjar e in altre aree in cui vivono le minoranze. Oltre 400mila persone rimangono sfollate e incapaci di tornare nelle loro case, vivendo in condizioni molto difficili negli Idp e nei campi profughi in Medio Oriente ed Europa.

Da un punto di vista religioso, secondo gli esperti, gli yazidi “credono in un Dio primordiale, che ha creato o è divenuto l’universo, manifestandosi nei Sette Grandi Angeli, il principale dei quali è Melek Ṭāʾūs, un angelo dalle sembianze di un pavone”. Melek vuol dire appunto Angelo e Ṭāʾūs significa Pavone, essenza attiva di Dio.

L’Angelo Pavone, “padrone del mondo, è l’origine del bene e del male. Il compito degli uomini è di aiutare il bene a prevalere. Secondo gli yazidi, anche il male è stato creato da Dio, ma ugualmente Dio vuole la vittoria del Bene. Gli uomini possono inavvertitamente compiere azioni malvagie, atte a favorire la vittoria del Male. Immagini di pavoni, in bronzo o ferro, sono oggetti rituali devozionali”.

Per fare il punto sulla tragedia degli yazidi, InsideOver ha sentito la “business” e “peace building” libanese di origini armene e italiane, Lynn Zovighian, che lavora a fianco dei leader della comunità yazidi  per far in modo che la comunità internazionale non si dimentichi di questa tragedia ancora in corso. Lynn vive tra il Libano e l’Arabia Saudita dove si occupa di progetti per lo sviluppo economico e sociale delle comunità.

L’Islam cosa pensa degli yazidi?

Quando ho cominciato a studiare la storia degli yazidi e le fatwe su di loro fatte da  Daesh, ho compreso subito che gli estremisti utilizzavano come fonti per le nuove fatwe, quelle antiche che mal intrepretavano completamente, decontestualizzandole. Per altro l’odierno Iraq, con la sua antichissima popolazione yazidi, si trova al centro del territorio dei primi califfati. Bagdad fu infatti la capitale del secondo califfato, quello abbaside.

Il mondo islamico sta prendendo posizione contro le fatwe dei terroristi?

Per fortuna sì, vi è molto dibattito su questi temi. Anche in Arabia Saudita dove vivo si sta portando avanti un interessantissimo dibattito su questi errori di interpretazione delle antiche fatwe e molto sta cambiando. Daesh e gli islamisti in generale sono molto deboli proprio sulle loro basi teologiche. È incredibile che l’Occidente non abbia attaccato Daesh su questo e anzi, in un certo qual modo, abbia permesso loro di portare avanti questa falsa narrativa. È proprio grazie alla loro debolezza teologica che oggi può partire un grande movimento, non solamente contro Daesh, ma contro tutti gli estremismi che usano l’Islam come scusa per le loro idee.

Gli yazidi che sono sopravvissuti al genocidio di Daesh hanno lasciato l’Iraq o hanno deciso di restare?

Molti hanno lasciato il Medio Oriente, forse per sempre. Alcuni sono andati negli Stati Uniti, in Nebraska, altri in Canada, Australia e Francia. Hanno deciso che l’Iraq e la Siria non possono più essere la loro casa. Non si può giudicarli perché ci si sente a casa dove si ha la sicurezza di poter vivere in pace. Altri sono rimasti in Iraq e vivono in campi profughi in condizioni atroci. Sono gestiti molto male, sia per quanto riguardo la sicurezza, che per problemi sanitari e logistici. Mancano le infrastrutture mediche e spesso scoppiano epidemie. L’Onu e l’Unhcr dovrebbero porsi molte domande sulla gestione dei campi. Girano la tubercolosi e altre infezioni. Molti degli abitanti dei campi, sopravvissuti a Daesh, mi hanno confessato che mai avrebbero pensato che i campi sotto l’egida internazionale fossero pure peggio della vita da schiavi sotto gli islamisti. Si tratta di luoghi senza alcuna dignità. Poi vi è un terzo gruppo che è tornato a Synjar, anche se non ci sono infrastrutture e Daesh ne ha uccisi nuovamente alcuni poco tempo fa. Noi pensiamo che il genocidio sia finito, ma non è così. Infatti, non vi sono né sicurezza, né infrastrutture. Daesh oltre che aver portato avanti un genocidio, ha anche distrutto tutti i loro luoghi di culto. Siti che sono fondamentali per la loro comunità. Infine, gli yazidi che vivevano in Siria, nella zona di Aleppo, sono scappati in Libano dopo che i gruppi come Al Nusra li avevano minacciati di fare la stessa cosa di Daesh. Anche il governo Libanese ha quindi oggi delle responsabilità sul futuro di questo popolo.

Quest’estate si è tenuta una conferenza a Baghdad sul genocidio degli yazidi

Sì ed è stato un punto di svolta. Ero presente ed è stato un momento unico, perché molti politici iracheni hanno detto che pur non avendo nulla a che fare con Daesh, tutti sono responsabili, perché bisogna rendere chiaro che le loro non sono idee islamiche. Alcuni hanno anche detto che “bisogna creare un senso di cittadinanza per far capire che siamo tutti iracheni. Infatti, Daesh ha giustificato il genocidio dicendo che gli yazidi non sono monoteisti, ma questo popolo è stato il collante del mosaico della società irachena e l’Iraq è un paese monoteistico e quindi vanno protetti”. Se si attaccano gli yazidi si attaccano quindi gli iracheni.

Le persone che sono state schiavizzate sono tornate tutte?

Assolutamente no, stiamo commemorando un genocidio ancora in atto. La metà di quelli che furono resi schiavi non sappiamo ancora che fino abbiano fatto e non se ne parla mai, si tratta di quasi 3mila persone. Alcuni sono nelle mani di persone legate a Daesh che chiedono migliaia di dollari per rilasciarli, con tutti i problemi che comporta pagare gruppi terroristici, sapendo che uso faranno dei soldi dei riscatti.

Le donne utilizzate come schiave sessuali quando vengono liberate hanno problemi a ritornare in famiglia e nella società yazide?

Ho lavorato molto con i leader della comunità per organizzare dei pellegrinaggi spirituali a Lalish per le donne che tornavano nella società yazide dopo essere state rapite e rese schiave sessuali di Daesh. Le cerimonie erano sia di riconversione, che un “ben tornati” nella società. Il messaggio dei leader religiosi yazidi è stato: “Non vi abbiamo mai dimenticato e siete sempre state importanti per noi”. Si è trattato di un passaggio fondamentale per il loro rientro in famiglia. Purtroppo invece non c’è stato tempo e risorse per aiuti psicologici seri e duratori. Parliamo di donne che sono state vendute come schiave sessuali, non potranno mai più essere quelle di prima. Per altro anche il loro presente è difficile, perché sono finite nei campi profughi, ma parliamo di donne molto forti. Se vogliamo parlare di riconciliazione, prima la comunità internazionale deve fermare questo genocidio ancora in corso e risolvere i problemi dei campi profughi che sono luoghi inumani.

Quali sono le priorità da affrontare per risolvere i problemi irrisolti dalla comunità internazionale e dal governo iracheno?

Bisogna cambiare la filosofia con cui vengono distribuiti i fondi, devono diventare investimenti per progetti a lungo termine che permettano di ricostruire una società yazide in Iraq. Bisogna poi comprendere che la sicurezza è vitale, senza di questa non ci sarà nessun ritorno degli yazidi. Anche su questo punto la comunità internazionale latita.

Bisogna poi mettere intorno a un tavolo i rappresentanti della società internazionale, il governo, i donatori privati e i rappresentanti degli yazidi per capire come ricostruire Sinjar. Sarebbe poi utile se le Ong internazionali prendessero in carico la ricostruzione dei luoghi sacri degli yazidi e degli ospedali, non costerebbe molto e sarebbe un passo fondamentale per la ricostruzione della loro società. Infine, bisogna portare avanti l’energia positiva nata con la conferenza di Baghdad di questa estate e rendere sempre più chiaro che chi attacca gli yazidi attacca l’Iraq.

Il riconoscimento del genocidio degli yazidi da parte di molti parlamenti in giro per il mondo è positivo?

È un bene, ma non deve diventare un semplice atto per salvarsi la coscienza senza cambiare la situazione sul campo. Non serve a nulla se non va di pari passo con politiche a lungo termine per migliorare la situazione dei sopravvissuti in Medio Oriente.

Dopo tanti anni di lavoro con gli yazidi, c’è qualcosa di inaspettato che ha appreso da loro? Che le ha cambiato la vita?

Certamente, sono maestri di vita brillanti e sono stata fortunata a poter lavorare con loro. Per esempio hanno avuto la capacità di non condannare tutti i musulmani o gli iracheni per quello che Daesh ha fatto loro. Hanno sempre detto che quello che facevano i terroristi non aveva nulla a che fare con l’Islam.

Inoltre, molti yazidi che vivevano negli Stati Uniti e i Gran Bretagna prima del genocidio e avevano ottimi lavori, sono tornati subito in Iraq per aiutare i loro correligionari allo scoppiare della crisi. Ma soprattutto mi hanno permesso di comprendere fino in fondo cosa vuol dire essere armena. La storia del mio popolo ha infatti molte analogie con quello che è accaduto agli yazidi. Grazie alle loro storie e alla loro tenacia, ho compreso meglio le mie radici armene.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME