SEO PER IL GIORNALISMO ENTRA NELLA NEWSROOM ACADEMY

C’è un antico proverbio arabo che recita: “Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto. Ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani”. Era stato rispolverato dopo la barbara uccisione da parte dei ribelli libici (sostenuti dall’Occidente) di Mu’ammar Gheddafi. Spopola ancora in rete un video in cui la candidata democratica alla presidenza americana Hillary Clinton, commentando l’uccisione del Raìs, afferma: “Siamo venuti, abbiamo visto…è morto”. E giù risate.

Peccato che però la Libia è diventata quello che è diventata e che i miliziani del sedicente Stato islamico facciano quello che vogliono nelle terre che furono di Gheddafi. E lo stesso è successo ieri, quando i ribelli hanno abbattuto un elicottero russo uccidendo cinque militari. Un atto tragicamente normale in guerra. I caduti ci sono da una parte e dall’altra, così come le atrocità. Quello che non è normale è fare scempio dell’avversario caduto, come hanno fatto i ribelli che si sono messi a saltare sul cadavere di un pilota.

#Syria#Idlib NEW VIDEO SHOWS CIVILIANS STEPPING ON #Russia#Russian#RuAF PILOTS DEAD BODIES. @mod_russiapic.twitter.com/2OkMvytTmu

— Ivan Sidorenko (@IvanSidorenko1) 1 agosto 2016Del resto questa non è la prima atrocità commessa da parte dei ribelli. Nel 2013 Abu Sakkar, un miliziano di Al Nusra, mangiò il cuore di un soldato lealista: “Giuro su Dio che mangeremo i vostri cuori e i vostri fegati, voi soldati del cane Bashar”.E ancora, più recentemente, i ribelli “buoni” di Harakat  Nour al-Din al-Zenki, quelli che i media chiamano “moderati”, hanno decapitato un bambino, strappandolo dall’ospedale, solamente perché suo padre combatteva per il regime.Si chiama guerra, è vero, e tutto è quindi concesso. Ma non il festeggiare su un corpo morto. Avevano ragione i saggi arabi: “Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto. Ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani”.banner_occhi_sotto_attaccoSOSTIENI IL REPORTAGE SUI CRISTIANI SOTTO TIRO  

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.