Vuoi diventare giornalista d'inchiesta?
ULTIMI POSTI

“La Nato non dovrebbe avere un ruolo militare in Siria. Il Medio Oriente impone problemi cosi profondi e spaccature così marcate con tante variabili, che non possono essere risolte dall’Alleanza”.È quanto ha dichiarato l’ex Segretario della Difesa statunitense Chuck Hagel al Consiglio Atlantico, in merito ad un possibile coinvolgimento attivo della Nato in Siria.”Mi guarderei bene dal consigliare al presidente degli Stati Uniti un intervento sotto egida Nato. Possiamo e dobbiamo aiutarli, ma non militarmente”. Le preoccupazioni di Hagel derivano dalla percezione (nel Medio Oriente) dell’Alleanza in una regione ancora “sotto sbornia da colonizzazione europea”.”L’ultima cosa che dobbiamo fare è imporre la volontà e le istituzioni occidentali. Abbiamo appreso una dura lezione in Iraq. La NATO in Siria non funzionerà. Tali interventi non hanno mai sortito effetti positivi, la storia ce lo conferma”.Le preoccupazioni di Hagel sono state riprese da Damon Wilson, vice presidente esecutivo per i programmi e la strategia del Consiglio Atlantico: “La cosa peggiore da fare è che la Nato si sostituisca agli Stati Uniti in una nuova strategia occidentale di approccio”.La Nato – ha aggiunto Wilson – non è un organismo in mano ai politici americani e non si sostituirà agli Stati Uniti. Non esiste una soluzione facile per la Siria, se non quella mediata ed elaborata congiuntamente da Washington, Berlino e Londra.La sbornia da colonizzazioneLa storia potrebbe aiutarci a comprendere ancora di più quanto stia avvenendo nella Regione attualmente più turbolenta del pianeta.Dopo la fine del colonialismo europeo, tutte le strutture nazionali e gli stessi confini creati dalle superpotenze, iniziarono lentamente a collassare.Quel caduco status quo (imposto con le armi dagli occidentali) scatenò potenti forze centrifughe che sciolsero quel collante che teneva insieme popolazioni di etnia e religione diversa.Quel processo di “occidentalizzazione” fu inghiottito dall’antico malcontento, ingiustizie, frustrazioni settarie e violenze di ogni genere di milioni di persone: musulmani sunniti, sciiti, alawiti, cristiani e le grandi popolazioni curde etniche nel nord della Siria e dell’Iraq.Sarebbe opportuno ricordare un momento cruciale della storia recente. Nel maggio del 2003, Paul Bremer, allora capo dell’autorità occupazionale Usa a Baghdad, sciolse l’esercito iracheno. Migliaia di ufficiali sunniti ben addestrati, si ritrovarono senza lavoro e derubati della loro vita con un tratto di penna.Abu-Bakr-al-Baghda_2965558kDietro la figura di Abu Bakr al-Baghdadi, lo Stato islamico annovera numerosi elementi di primo livello che hanno servito sotto Saddam. Lo stato maggiore dell’Isis è formato da ex soldati tra ufficiali, agenti segreti e funzionari dell’antiterrorismo del rais. Con quella decisione, Bremer diede vita al più acerrimo nemico degli Usa della storia recente. E forse in quel momento nacque lo Stato islamico.Oggi quel “tratto di penna” è considerato un danno irreparabile. La storia è ricca di eventi ciclici: i medesimi, questi ultimi, si ripresentano con attori diversi. Saddam Hussein ed i sunniti (minoranza nel Paese) trucidarono migliaia di sciiti (la maggioranza nel paese). Dopo aver rimosso Saddam e sradicato le sue strutture dal partito Baath, Washington costituì un nuovo governo fondamentalmente controllato dagli sciiti. Questi ultimi, naturalmente, ignorarono le esigenze ed i diritti dei sunniti. Così mentre da un lato l’esercito americano stentava a controllare ancora il paese, dall’altro i radicali sunniti si ritrovarono sotto la bandiera di al-Qaeda, in Iraq, contro le forze Usa, i sunniti moderati e la maggior parte degli sciiti.

Il 2011, con l’uscita di scena degli Usa, è considerato un anno cruciale per al-Qaeda. Proprio in quell’anno, l’organizzazione terroristica fece proseliti nelle regioni sunnite dell’Iraq, evolvendosi nello Stato Islamico, organizzazione estremista che si alimentò anche del vuoto creato dalla guerra civile nella vicina Siria. Il problema è di carattere concettuale: il credere che lo Stato islamico possa essere un fenomeno geo-localizzato, inteso come uno scacchiere dove far muovere gli eserciti come fossero pedine. L’Isis non ha un esercito regolare ed annovera migliaia di guerriglieri spinti dalla medesima radice comune: la privazione dei diritti civili. Assad, alawita, non si è mai fatto scrupoli a governare con l’esercito sulla maggioranza sunnita, così come Saddam fece con gli Sciiti.C’è poi quella costante fissa chiamata etnia curda (alleata Usa) presente in Iraq, Siria ed Iran. Stati Uniti che sostengono i curdi e quel Pkk, gruppo di sinistra che da trent’anni combatte contro il governo turco. Appare evidente per porre fine al caos Medio Orientale sarebbe opportuna quella auspicata ed a più riprese proposta “piattaforma di stabilità politica” che preveda da un lato, il reinsediamento delle grandi popolazioni fuggite dalle guerre in Iraq ed in Siria e dall’altro una serie di compromessi e concessioni che in centinaia di anni non sono mai state garantite.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.