VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI

Come è valso per il Pentagono, anche i vertici militari israeliani sembrano essere fermi di fronte a una difficile decisione, impegnati a valutare attentamente se il “vecchio” possa essere efficace come il nuovo. La scelta è quella di acquisire 25 ulteriori caccia di quinta generazione F-35 Lightning II, o oppure investire ancora sui i “vecchi” caccia F-15 prodotti dalla Boeing, rinnovati nella loro ultima versione “Advanced Eagle“: praticamente un’arsenale volante basata su una cellula con 40 anni d’esperienza in aria.

I velivoli della prima tranche di caccia stealth F-35 “I” della versione “Adir” – i primi nell’Aif a operare senza la celebre livrea mimetica ma “nascosti” sotto la loro vernice per la bassa visibilità radar – sono apparsi in alcune fotografie divulgate anche sui social, manifestando la costante espansione della forza israeliana e l’operatività della seconda squadriglia della Forza aerea israeliana. Si tratterebbe del 116° Squadron “Lions of the South” di stanza alla base aera di Nevatim, dove è schierata anche la prima squadriglia equipaggiata con caccia F-35, il 140° squadron “Golden Eagle”. Entrambe le unità li hanno sostituiti ai caccia F-16 “Sufa”.

Secondo le stime, Tel Aviv aveva ordinato al partner americano, che da sempre lo sostiene nei suoi investimenti nel campo della difesa, una tranche iniziale di 50 caccia F-35 nella versione “I” – una versione dell’F-35A a decollo convenzionale implementata da alcuni componenti elettronici di produzione israeliana – ricevendone 14 nel 2019 e attendendo gli altri 36 entro il quinquennio successivo. Nonostante l’aeronautica israeliana abbia affermato di essere stata “la prima a impiegare un F-35 in combattimento” (si suppone su obiettivi colpiti in missioni diurne in Libano), sembra che almeno per il grosso delle missioni (che conduce nello spazio aereo siriano e nord iracheno), continui a puntare sui vecchi cavalli di battaglia, ossia gli F-16 e gli F-15. Anche per questo, dovendo attivare una “terza” nuova squadriglia, sembrerebbe che la Difesa di Tel Aviv stia riflettendo se ordinare ulteriori venticinque caccia stealth F-35 (ogni squadrone deve essere equipaggiato con 25 velivoli), oppure acquisire – come ha fatto anche il Pentagono per la forza aera americana – un certo numeri di caccia F-15 nella versione “X” per costituire il suo nuovo squadrone.

In questo momento Israele, scrive a riguardo la rivista Breaking Defense, si trova sottoposto a pressioni provenienti dall’interno e dall’esterno: “Deve condurre attacchi aerei contro obiettivi legati all’Iran in Siria nell’ambito della crescenti tensioni “, mentre dall’interno: “Deve trovare finanziamenti nonostante un deficit di bilancio in aumento e un governo di Netanyahu”. La soluzione preferibile, sarebbe dunque quella di dotarsi di una forza d’attacco rinnovata, e basata su un mix di nuovi velivoli: “I funzionari ritengono che un mix di forze di F-35I … insieme a uno squadrone di F-15IA consentirebbe a Israele di effettuare una serie di operazioni complesse, incluso qualsiasi possibile scontro con l’Iran ai suoi confini”, ha una fonte accreditata al Jerusalem Post. Questo equivarrebbe a far investire al governo israeliano ben “6 miliardi di dollari”, e dato il budget “limitato”, forza aerea israeliana deve ridursi a decidere: o Lightning II o gli Advanced Eagle.

La scelta, rivelerà inoltre quali sono le priorità tattiche di Israele: L’F-35, come velivolo stealth, è capace di svolgere incursioni furtive violando reti difesa aeree “avanzate”, protette da risenti come gli S-300 di fabbricazione russa schierati in Siria; ma l’F-15 X può trasportare un carico di bombe e maggiore: “29.500 libre al confronto di 22.000 dell’F-35 in “modalità bestia” – seppur dovendo rinunciare alla modalità stealth (dunque compiendo incursioni in spazi aerei con un rete difensiva meno efficace o esponendo i piloti ad un rischio maggiore). Tra i vantaggi che porterebbero dalla parte della vecchia aquila della Boeing, peserebbe anche la facilità di modificare l’F-15 per essere implementati con i componenti elettronici desiderati da Israele, e quella di essere abbastanza grande da trasportare il nuovo missile balistico aviolanciato Rampage. Attualmente l’Iaf può contare su una forza aera di circa 270 velivoli, suddivisi in 50 F-15C / D,  200 F-16 , e un numero approssimabile a 22 F-35. Scegliere come completare questa forza di superiorità aera “schiacciante” nella regione del Medio Oriente, spetterà tutta via al governo, che in qualche modo, dovrà far quadrare il bilancio.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.