Inates, duecentocinquanta chilometri circa dalla capitale del Niger, al confine con il Mali, entrambi stati dell’Africa sub-saharina appartenenti alla fascia del Sahel. Una formazioni di miliziani jihadisti fedeli a Abou Walid al-Sahraoui, leader de l’Etat Islamique dans le Grand Sahara (Eigs), sferra un attacco a sorpresa contro un campo militare dove vengono addestrare le reclute che dovranno combattere proprio quei terroristi. È una strage. 73 morti, una dozzina di feriti, e molti “dispersi”, probabilmente rapiti e giustiziati. È il più grave attacco nella storia del Niger, e giunge propio un istante dopo l’allarme lanciato dal presidente francese Emmanuel Macron, che dopo aver perso 13 soldati del contingente schierato nella regione, teme che la situazione possa “complicarsi” fino al punto da tramutarsi in una sorta di “Afghanistan francese“.

La situazione in Sahel sta svelando le trame di un nuovo conflitto “infinito” nel quale una vecchia potenza occidentale si è infilata per combattere il terrorismo, ma soprattutto  mantenere quelli che sono considerati “rapporti” di cooperazione, supporto e sviluppo delle ex-colonie francofone dove incombe la minaccia del terrorismo islamista – con i necessari e puntuali doppi fini legati alle ricchezze minerarie presenti nella regione: specialmente l’uranio sfruttato dall’industria nucleare francese. Le ulteriori perdite, e la risolutezza mostrata dalle milizie jihadiste attive a sud del Sahara, mostra tuttavia come la situazione nel Sahel sia a un passo dal precipitare in uno stato di crisi che potrebbe portare la Francia ad una decisione definitiva. Ma quale? Rimpatriare il contingente e lasciare mano libera ad Al-Qaeda nel Maghreb, al Mouvement pour l’unicité et le jihad en Afrique de l’Ouest, al sopracitato Eigs, a Al-Mourabitounal noto Boko Haram e alle altre cellule dell’Isis – mostrandosi un grande esercito sconfitto che batte in ritirata? Oppure inviare altri uomini e altri mezzi per garantire una maggiore deterrenza e con essa una maggiore sicurezza del personale schierato nel G5?

Sono negli ultimi mesi, Parigi ha perso venti dei suoi soldati; e le cerimonie solenni nel Palazzo degli Invalidi, con il giovane presidente francese che passa in rassegna le bare coperte dal tricolore di Francia, sono state mandate in onda dai giornali di tutto il mondo. Non appena dall’Eliseo ha avanzato le sue perplessità sullo stato delle cose, i jihadisti hanno attaccato una base deve venivano addestrate le reclute dell’esercito nigerino con “granate e mortai”; in una vera operazioni che si distanzia, per un certo verso, dalle tattiche di “guerriglia” nelle quali i jihadisti si sono precedentemente specializzati per colpire i militari francesi e i loro alleati locali. Le perdite, che attualmente contatto 34 morti e 60 dall’inizio dell’Operazione Barkhane nel 2014, hanno fatto piombare i vertici francesi – si mormora – in quella che è stata definita una “sindrome afgana“: uno stato d’impasse prodotto da una guerra impossibile da vincere. Qualcosa che trova le sue analogie nel tentativo mossa da tutte le potenze occidentali che hanno cercato di invadere e conquistare l’Afghanistan, restando sconfitte e facendolo passare alla storia come la “tomba degli imperi”. E che allo stesso tempo, un teatro che risulterebbe “impossibile da abbandonare senza perdite eccessive”, ritiene il giornalista francese Pierre Haski.

La fascia del Sahel

Letteralmente “bordo del deserto”, il Sahel è un’area dell’Africa subsahariana che si estende per 3.053.000 chilometri quadrati delimitato dal Sahara a nord e dalla savana sudanese a sud. A questo appartengono i cosiddetti Paesi del G5, ossia Burkina Faso, Niger, Mali, Mauritania e Ciad. Quest’area è stata principalmente controllata dalla Francia in epoca coloniale, per poi essere oggetto di un processo di decolonizzazione più o meno omogeneo a partire dal 1960. L’area, a causa della sua naturale morfologia semi-desertica, aggravatasi a seguito dei cambiamenti climatici provocati dal surriscaldamento globale, è “teatro di una gravissima crisi umanitaria che secondo l’Unicef coinvolge 15 milioni di abitanti”. È inoltre infestata da numerose cellule qaediste e jihadiste, che si suddividono in un numerose organizzazioni estremiste con diverse aree d’influenza, di “controllo” e azione. Per questo motivo la Francia, che ha sempre mantenuto rapporti economici e di cooperazione con i governi locali insediatisi dopo la fase di decolonizzazione, ha lanciato una serie di operazioni militari di supporto per la stabilizzazione e per la lotta al terrorismo. La prima è stata l’Opération Épervier (1986-2014 in Ciad e Libia), seguita dall’Opération Serval (2013-2014 nel Mali) e in fine dall’Operazione Barkhane (dal 2014 ad oggi) allargata a tutta la fascia del Sahel.

L’operazione Barkhane

Lanciata il 1 agosto del 2014, l’operazione militare francese, allargata su 4 stati della fascia G5-Sahel, si è prefissa gli obiettivi di- sostenere le forze armate dei paesi partner, rafforzare il coordinamento dei mezzi militari internazionali, e impedire creazione e proliferazione di gruppi terroristici nella regione. Per questo Parigi è arrivata a schierare fino a 4.500 uomini e donne delle forze armate francesi dislocati su 8 basi stabili e temporanee “avanzate” tra Ciad, Mali, e Niger. In supporto all’operazione, sono stati inviati nella regione oltre 500 mezzi terrestri, compresi veicoli corazzati e blindati armati; 19 elicotteri Puma e Cougar (2 persi nell’ultimo incidente); 3 droni di sorveglianza Mq-9 Reaper, 14 da velivoli da trasporto, rifornimento e da caccia. Questo contingente, che conta anche elementi d’élite delle forze speciali – specialmente della Legione Straniera – è pronto ad interviene contro le minacce jihadiste e assistere le forze armate locali nell’addestramento e nella formazione. Svolgendo in questa declinazione una missione “analoga” a quella condotta dai nostri uomini delle forze speciali nel nord dell’Iraq. Questo sforzo, sembra non essere stato sufficiente a sventare la minaccia jihadista e ad arginare la proliferazione delle cellule dell’estremismo islamico, che sotto diverse bandiere colpiscono in tutti gli stati della fascia. Per questo, recentemente, il ministro della Difesa francese Florence Parly ha lanciato un appello, chiedendo all’Europa “aiuto” per formare più velocemente gli eserciti africani e consentirgli di fronteggiare più efficacemente la minaccia. Questo appello tuttavia sembra non aver permeato alcuna governo europeo, sia per il fallimento constatato in Afghanistan; sia per il peso dell’opinione pubblica che sovente non vede di buon grado gli interventi militari all’estero; sia perché gli interessi nel Sahel sono un’ “esclusiva” della Francia.

I “dubbi” di Macron

Previsto per il prossimo 16 dicembre a Pau, il vertice dei leader del G5, che comprende i presidenti dei cinque stati della fascia del Sahel e il presidente francese Emmanuel Macron, è stato rinviato all’inizio del 2020 proprio in seguito all’ultimo sanguinoso attacco che ha suscitato preoccupazione in tutti i governi; e in particolare modo all’Eliseo. La decisione è stata presa dopo colloquio telefonico avvenuto fra il presidente francese e l’omologo nigerino Mahamadou Issoufou, estremamente scosso per le perdite inflitte dall’attacco jihadista. “I due presidenti hanno dimostrato la loro determinazione a rimanere uniti di fronte alla minaccia dei gruppi terroristici e a ridefinire insieme, nelle prossime settimane, il quadro politico e operativo per agire per la sicurezza delle popolazioni e degli stati del Sahel”, si legge nella nota emessa dall’Eliseo; ma questo non basta a nascondere una certa “perplessità” sulle prossime mosse strategiche che la Francia dovrà affrontare nella regione. Parigi aveva già avanzato l’intenzione “ridiscutere” la sua presenza militare francese nel Sahel dopo la morte di 13 soldati nell’incidente di novembre. Sebbene infatti si sia trattato di una collisione in volo fra due elicotteri, il colpo inflitto è stata comunque rivendicato dai jihadisti, dato che gli elicotteri erano in volo per “intervenire” in seguito ad un agguato contro i militari francesi (non si può nemmeno escludere che la collisione sia avvenuta per schivare un colpo di Rpg o simili, ndr). Lo Stato maggiore dell’esercito francese ha finora negato questa versione dei fatti, ma le voci che continuano a parlare di una “sindrome afgana” legata alla missione militare nel Sahel, lasciano pensare che davvero qualcuno all’Eliseo si stai domandando se il “gioco” continui a “valere la candela”. Perché gli statisti, si riconoscono anche nelle ritirate strategiche, sopratutto quando si dovrà tornare al voto. Lo sapeva Trump quando parlava di ritirarsi dal Medio Oriente, come lo sa il giovane enfant prodige Macron.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME