Può destare indubbiamente sorpresa la scelta da parte di Haftar di chiudere i porti petroliferi della Libia, ma fino ad un certo punto. Questa guerra, iniziata con un’operazione di “no fly zone” voluta principalmente dalla Francia di Sarkozy e dal Regno Unito nel 2011, ha avuto come principale protagonista proprio il petrolio libico. Non era così remota dunque l’ipotesi che l’oro nero potesse tornare al centro dell’attenzione mediatica alla vigilia di una delicata conferenza, quale quella di Berlino, in cui si discuterà del futuro del paese nordafricano.

La decisione di Khalifa Haftar

La svolta è arrivata nella serata di venerdì. Alla tv libica Al Hadath, il portavoce del generale Haftar, Ahmed Al Mismari, ha annunciato la chiusura dei principali porti petroliferi della Libia. Una scelta, ha specificato lo stesso Al Mismari, “voluta dal popolo”. E così, le esportazioni dalla mezzaluna petrolifera, così come da Brega e da altri centri vitali per l’economia petrolifera libica, sono per il momento ferme. Da buona parte della Libia non esce in queste ore alcuna petroliera diretta in Europa od in altre parti del pianeta.

Il perché della scelta di Haftar

Il nodo è sempre lo stesso, da tanti anni a questa parte. Da un lato vi è il governo di Fayez Al Sarraj che non ha il controllo del territorio, ma quello del portafoglio. Dall’altro, vi sono le truppe di Haftar che hanno il controllo del territorio, ma non del portafoglio. Questo perché più del 90% delle entrate libiche sono rappresentante dai proventi delle esportazioni di petrolio. L’attività in tal senso è gestita, tramite anche joint venture con società europee, dalla Noc. Quest’ultima ha base a Tripoli, è l’unico ente rimasto di fatto unitario nella Libia deflagrata del post Gheddafi. La Noc, già dai tempi del rais, non gode di propria autonomia: ciò che guadagna deve versarlo agli enti statali preposti, dunque alla banca centrale ed al governo di Tripoli.

Per questo si è dunque arrivati all’intreccio sopra descritto: l’oro nero viene prelevato da pozzi in gran parte sotto il controllo di Haftar, ma i soldi finiscono dritti nelle mani del governo di Al Sarraj. Nell’est del paese si ha sempre più insofferenza di questa situazione, specialmente perché la Cirenaica a livello economico appare sempre più isolata. Pochi i trasferimenti dalla banca centrale che arrivano a Bengasi, la moneta circolante in questa parte della Libia è stampata in Russia e le banche locali hanno gravi crisi di liquidità. Ed allora, ecco che Haftar con questa mossa ha voluto, proprio alla vigilia della conferenza di Berlino, attirare l’attenzione su questa situazione. E forse l’obiettivo del generale è quello di mettere pressione affinché in Germania si possa discutere della destinazione degli introiti del petrolio.

La ferma condanna della Noc

Ovviamente la National Oil Company ha subito lanciato diversi allarmi per quanto accaduto. Il blocco dei terminal petroliferi, secondo la società, potrebbe creare gravi ed immediati danni all’economia della Libia: “Il petrolio e gli impianti petroliferi appartengono al popolo libico. Non sono carte da giocare per risolvere questioni politiche – ha dichiarato in una nota Mustafa Sanalla, numero uno della Noc – La chiusura delle esportazioni e della produzione di petrolio avrà conseguenze di vasta portata e prevedibili”.

Per adesso, il taglio stimato delle esportazioni del greggio libico è nell’ordine di 700mila barili al giorno. Un’enormità per l’economia del paese nordafricano. Secondo la Noc, si rischia il totale collasso del sistema produttivo petrolifero nel giro di cinque giorni. Condanna alle azioni di Haftar è stata espressa anche dai vertici missione Onu in Libia: “Questa mossa avrebbe conseguenze devastanti prima di tutto per il popolo libico che dipende dal libero flusso di petrolio – si legge in un comunicato dell’Unsmil – e avrebbe effetti terribili per la situazione economica e finanziaria già deteriorata del Paese”.