Un’indiscrezione che può rivelare molto sul presente e sul futuro della Libia. Perché quel nome – e soprattutto ciò che rappresenta – è ancora oggi la chiave per comprendere gran parte dei conflitti che legano il Medio Oriente all’Africa settentrionale. Secondo il Daily Express, che cita fonti dell’intelligence britannica, Abu Bakr al Baghdadi si troverebbe non più in Siria  e nemmeno fra le sabbie dell’Iraq: ma in Libia. Una notizia che chiaramente non può ricevere alcuna conferma e che – inutile dirlo – rimarrà sempre un’indiscrezione. Ma il fatto che se ne cominci a parlare non è da sottovalutare, perché è stata propria la nascita dello Stato islamico, quello dell’autoproclamato “califfo” a dare il via libera alle operazioni della Coalizione internazionale a guida statunitense in Iraq e poi in Siria. E adesso, con la possibilità che si cominci a parlare di al Baghdadi nei deserti libici, le cose potrebbero ottenere una piega diversa anche nel Paese nordafricano. Il nucleo della guerra all’Isis si sposterebbe da Damasco a Tripoli. E questo non può che incidere in maniera sensibile sugli aspetti futuri del conflitto, così come sul coinvolgimento delle forze occidentali e di altre superpotenze: Russia inclusa.

Secondo le fonti dell’intelligence britannica, di al Baghdadi non ci sarebbe traccia da febbraio, ovvero dalla caduta dell’ultimo bastione dell’Isis in Siria, la città di Baghouz. Per i servizi di Londra, il califfo non si troverebbe più in Sira da quando ha scoperto un complotto per ucciderlo, orchestrato da “combattenti stranieri vicini alla sua cerchia”.  E da lì ha scelto di mettere piede in Libia per continuare la sua sfida al mondo e per rimettere in piedi uno Stato islamico ormai completamente fuori dai giochi da un punto di vista meramente territoriale. Per i militari ascoltati dal tabloid britannico, le fonti sarebbero “affidabili ma non verificate”. E infatti, proprio in queste ore, i militari britannici hanno confermato sempre all’Express che la Royal Air Force sorvola 24 ore su 24 i cieli della Libia con due aerei da ricognizione, un Rc 135 e un Raytheon Sentinel, e soprattutto insieme a due aerei: uno statunitense e uno italiano. Insomma, la cosa ci riguarda molto più da vicino di quanto possa sembrare.

Naturalmente è impossibile verificare la presenza  del Califfo, ammesso che abbia ancora un ruolo così preponderante al’interno dell’organizzazione terroristica Ma è significativo il fatto che la Gran Bretagna abbia per la prima volta accennato alle operazioni della Raf in Libia, con aerei che, decollati dalla base di Waddington nel Lincolnshire, hanno iniziato a raccogliere informazioni “arando” il terreno nordafricano per scovare cellule dell’Isis ma anche per monitorare tutte le fazioni in campo, compresi naturalmente i soldati stranieri e i contractor presenti in Libia. E non è un mistero che il Regno Unito, attore silente ma mai scomparso, abbia ancora un ruolo molto importante nella guerra che sta sconvolgendo non solo la Libia, ma anche tutta l’area che va dal Sahel al Mediterraneo centrale. E il terrorismo islamico è un elemento fondamentale per comprendere i movimenti di Londra, così come di Washington. E lo dimostrano le operazioni che stanno svolgendo in questi mesi entrambe le potenze in gioco. Le forze speciali britanniche hanno compiuto alcuni raid in Kenya e in altre aree dell’Africa, mentre Africom, il comando Usa per il continente, è tornato in Burkina Faso: lì dove le forze francesi continuano a operare nell’ambito dell’Operazione Barkhane.