In un periodo funestato dalla piaga del Covid-19, le amministrazioni internazionali cercano di divincolarsi nelle maglie strette delle politiche di disarmo.

In un momento storico non proprio facile, sembrerebbe che i falchi di Washington stiano facendo pressioni per concretizzare punti fondamentali del New Start Treaty con Pechino e Mosca, al fine di limitare la proliferazione nucleare e l’armamento non coperto dai trattati precedenti.

Sebbene l’attenzione si focalizzi su Usa e Cina, la voce grossa arriva dalla Russia, preoccupata dalla proliferazione a stelle e strisce per le recenti tecnologie tra cui un sottomarino-drone di classe megaton dotato di testata nucleare, un missile da crociera a propulsione e un missile ad altissima velocità. Ma l’attenzione di Washington, invece, resta su Pechino: il Dipartimento di Stato, infatti, batte i pugni sul tavolo denunciando che l’articolo 6 del trattato richiede ai firmatari “la prosecuzione dei negoziati relativi allo stop definitivo per la corsa agli armamenti nucleari”.

L’intelligence americana sembra essere fortemente preoccupata dalle attività cinesi in quanto, già dagli anni Ottanta, l’industria tecnologica nucleare ha prodotto e fornito magneti ad anello per centrifughe ed il know-how sulla progettazione di testate in Pakistan. Ma i timori sostanziali si focalizzano su alcuni gruppi di fornitori nucleari pakistani, sotto copertura, che si sono già adoperati a diffondere la tecnologia in Corea del Nord, Iran, Siria e Libia.

Cos’è il New Start Treaty?

Il New Start Treaty è il Trattato sulla riduzione delle armi strategiche. Fu siglato l’8 aprile 2010 a Praga con il nome “Treaty between the United States of America and the Russian Federation on Measures for the Further Reduction and Limitation of Strategic Offensive Arms .” Ebbe efficacia il 5 Febbraio 2011 dopo la ratifica tra la Federazione Russa e gli Stati Uniti con il fine di ridurre la prolificazione e lo sviluppo delle tecnologie nucleari.

Tale Trattato consente alle parti la possibilità di determinare autonomamente la struttura delle proprie forze strategiche entro i “limiti aggregati”. Tali limiti si basano su una rigorosa analisi condotta da staff ad hoc del Dipartimento della Difesa in linea con la Nuclear Posture Review 2010. I limiti aggregati, secondo fonti del Dipartimento di Stato USA fanno riferimento a:

  • 700 missili balistici intercontinentali (ICBM), missili balistici lanciati da sottomarini (SLBM) e bombardieri pesanti equipaggiati per armamenti nucleari;
  • 1.550 testate nucleari su ICBM, SLBM e bombardieri pesanti equipaggiati per armamenti nucleari;
  • 800 lanciatori ICBM, lanciatori SLBM e bombardieri pesanti equipaggiati per armamenti nucleari.

Il trattato prevede tre elementi. Il primo è la “Verifica e Trasparenza” che comprende ispezioni, scambio dati e notifiche relative alle armi e alle strutture offensive strategiche contemplate dallo stesso, oltre ad una condivisione annuale di telemetria su un numero concordato di lanci di ICBM e SLBM. Il secondo elemento è la “durata” compresa tra i cinque e dieci anni che prevede una clausola di recesso standard negli accordi sul controllo degli armamenti. La terza è l’opzione di “Nessun vincolo sulla difesa antimissile e sullo strike convenzionale”.

In virtù di queste regole sembrerebbe che a creare tensioni  sia proprio la questione delle ispezioni sulle quali gli Stati Uniti pressano Pechino. D’altro canto la Cina adduce di avere un arsenale minimo rispetto alla Russia ed americani e per queste ragioni si tira fuori da un accordo trilaterale del Trattato.

“La Grande Muraglia Nucleare?”

Il mirino dell’intelligence Usa è puntato sul sottosuolo della Grande Muraglia, un sito di circa 3mila miglia di tunnel presumibilmente armato con Icmb mobili ed impianti di produzione nucleare. I servizi statunitensi riferiscono di un arsenale tra le 150 e le 200 testate cinesi ed un numero significativo di armamento a testata multipla.

Gli Usa sono da tempo concentrati su tale sito e sugli armamenti al suo interno. Il Dr. Philip A. Karber pubblicò nel 2011 un report descrittivo ed illustrato, frutto di un lungo lavoro presso la Georgetown University, intitolato “Strategic Implications of China’s Underground Great Wall” con descrizioni, numeri e foto di una delle più grandi postazioni strategico-militari del pianeta. Rumors alimentano le voci che il dragone voglia presumibilmente sottrarsi al Trattato proprio per evitare di svelare qualche probabile sorpresa al suo interno, tutto mentre il braccio di ferro a tre sul destino del mondo va avanti a colpi di rimpalli e scaricabarile.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME