Diventa fotoreporter IMPARA DAI PROFESSIONISTI
Guerra /

Il 495esimo gruppo caccia del 48esimo stormo dell’Usaf, l’Aeronautica Militare statunitense, di base a Lakenheath, in Inghilterra, vedrà presto l’arrivo dei cacciabombardieri di quinta generazione F-35A. Il gruppo, riattivato dopo la messa in posizione quadro avvenuta nel 1991, sarà il primo in assoluto dislocato oltremare ad essere dotato dei nuovi velivoli stealth della Lockheed Martin.

Come riportato anche da The Aviationist, il Pentagono aveva annunciato ufficialmente una grande riorganizzazione delle unità dell’Usaf in tutta Europa a gennaio del 2015. Come parte del piano di consolidamento, il dipartimento della Difesa Usa aveva stabilito che due gruppi di volo di F-35 sarebbero stati basati presso la base della Royal Air Force di Lakenheath, nel Suffolk, già sede del 48esimo stormo equipaggiato con F-15C e F-15E Strike Eagle.

Secondo i piano statunitensi ciascuno dei due gruppi riceverà 24 cacciabombardieri F-35, per un totale di 48 velivoli assegnati alla base della Raf ben nota agli equipaggi dell’U.S. Air Force, che insieme a quella di Fairford che solitamente ospita i ridispiegamenti dei bombardieri Usa, è una delle due più importanti dell’Eucom, il comando statunitense in Europa.

“Lakenheath è la base perfetta per il perfetto sistema d’arma nel paese perfetto”, dichiarò nel 2015 l’allora colonnello comandante dello stormo Robert Novotny in un comunicato stampa pubblicato sul sito web dell’U.S. Air Force. “Fin dall’inizio, Stati Uniti e Regno Unito sono stati fianco a fianco nello sviluppo del programma F-35. Si tratta di continuare a lavorare insieme ai nostri alleati e partner per garantire un futuro sicuro per l’Europa”.

In una recente comunicazione ufficiale apprendiamo che i primi F-35A dovrebbero arrivare a Lakenheath alla fine del 2021. La base è stata selezionata per ospitare i primi gruppi di F-35A statunitensi in Europa sulla base dei legami molto stretti instaurati con la Raf nel corso degli anni, delle infrastrutture esistenti e delle opportunità di addestramento combinato. Il Regno Unito infatti è un componente fondamentale nell’attività di addestramento e nella preparazione al combattimento per le forze aeree in Europa grazie al suo eccellente spazio aereo e alla partnership nel programma F-35.

“La quantità di supporto che abbiamo ricevuto, e continuiamo a ricevere, dalla comunità sia qui che a casa è stata travolgente e molto apprezzata”, ha detto il colonnello Jason Camilletti, attuale comandante del 48esimo. “Basare gli F-35 nella base Raf di Lakenheath sarà un punto di svolta in quanto ci consentirà di far avanzare ulteriormente l’interoperabilità con i nostri compagni di squadra europei ed è una dimostrazione visibile che noi e tutta la Nato continueremo ad essere padroni dei cieli”.

È stato anche scelto il nuovo soprannome per il 495esimo gruppo. Dopo una sorta di “referendum” pubblico, tra i 700 suggerimenti diversi giunti nell’autunno del 2020 il campo di scelta è stato ristretto a cinque nominativi. A dicembre, il 48esimo ha ricevuto migliaia di voti dai sondaggi d’opinione ed infine è stato deciso che il gruppo sarà chiamato “Valkyries” (le Valchirie), avendo la meglio sulle altre quattro opzioni: Archangels, Sabres, Sentinels, and Swordsmen.

Diventa così definitiva la decisione Usa di schierare i suoi F-35 in Inghilterra, dopo che, nel recente passato, la presidenza Trump aveva paventato di non farlo stante la possibilità che il Regno Unito facesse affidamento alla rete 5G della compagnia cinese Huawei. Lo scorso novembre, come diretta conseguenza dell’atteggiamento statunitense, al parlamento britannico è stata presentata una legge per bandire Huawei dalla rete mobile 5G nazionale caratterizzata anche da una certa forma di retroattività riguardante l’installazione di apparecchiature del colosso di Shenzen precedentemente acquistate e immagazzinate rispetto alla data di entrata in vigore della nuova disposizione, questo nel timore che le società di telecomunicazioni possano cercare di aggirarla utilizzando apparecchiature già esistenti nel loro inventario. Risulta evidente, pertanto, che il provvedimento del governo inglese abbia definitivamente spianato la strada per il dispiegamento permanente degli F-35A nel Regno Unito.

Il 495esimo gruppo è stato attivato, sempre sulla base Raf nel Suffolk, il primo aprile del 1977 in qualità di Tfs (Tactical Fighter Squadron) ed operava come unità di addestramento per i piloti e Wso (Weapon System Officer) che volavano sugli F-111F Aardvark, i bombardieri tattici dotati di capacità nucleare costruiti dalla General Dynamics. I velivoli del 495esimo avevano partecipato, il 15 aprile del 1985, all’operazione “El Dorado Canyon” ovvero il raid aereo contro la Libia di Gheddafi scatenato come ritorsione all’attentato ad una discoteca di Berlino Ovest di dieci giorni prima e attribuito ai libici. Nel 1990, durante la primi crisi del Golfo Persico, il gruppo è stato dispiegato in Arabia Saudita presso la base di Taif per partecipare all’operazione “Desert Shield” poi diventata “Desert Storm” a gennaio del 1991 quando le forze aeree della coalizione scatenarono l’attacco all’Iraq di Saddam Hussein. Fu il canto del cigno per il 495esimo gruppo, che venne posto in posizione quadro il 13 dicembre del 1991 poco prima del ritiro degli F-111 da Lakenheath.

.
Sogni di diventare fotoreporter?
SCOPRI L'ACADEMY