Guerra /

Allied Resolve 2022 √® entrata ufficialmente da oggi nella sua fase operativa. L’esercitazione che coinvolge le forze armate di Russia e Bielorussia elaborer√† lo scenario di un conflitto su larga scala, quindi saranno coinvolte molte unit√† di terra, dell‚Äôaviazione, e della difesa aerea: Mosca, ad esempio, ha schierato una serie di assetti antiaerei che constano di almeno un battaglione di Pantsir-S e due di S-400 che si accompagneranno agli S-300 bielorussi e si integreranno coi caccia Su-35 della Vks che sono giunti in Bielorussia.

Ma il dispositivo militare √® complesso, data la natura dell’esercitazione, e coinvolge anche cacciabombardieri da attacco al suolo Su-25 nonch√© elicotteri da combattimento e perfino bombardieri strategici. Nella giornata di ieri, ad esempio, due Tupolev Tu-22M3 delle forze aerospaziali russe hanno effettuato un volo di pattuglia della durata di tre ore nello spazio aereo bielorusso scortati dai caccia Su-35S di Mosca e dai caccia Su-30SM di Minsk.



La prima fase dell’esercitazione Allied Resolve, conclusasi il 9 febbraio e durata circa 10 giorni, ha riguardato la rapida ridistribuzione e la creazione di raggruppamenti di truppe sul territorio bielorusso con la contestuale organizzazione della protezione e difesa di importanti strutture civili e militari nonché del confine e dello spazio aereo. Ora, durante la seconda fase che terminerà il 20 febbraio, si terranno le manovre vere e proprie che sono rivolte al contrasto di un’aggressione esterna e alla protezione degli interessi nazionali di Russia e Bielorussia, prevedendo anche l’impiego di unità meccanizzate, corazzate e missilistiche campali.

Le circa 30mila truppe russe mobilitate si eserciteranno nei campi di addestramento di Domanovsky, Gozhsky, Obuz-Lesnovsky, Brest, Osipovichsky e in aree separate della Repubblica di Bielorussia. Sono coinvolti anche gli aeroporti di Baranovichi, Luninets, Lida e Machulishchi. Per la prima volta la Russia ha coinvolto anche i suoi sistemi di missili balistici a corto raggio Iskander-M, che sono stati piazzati in Bielorussia in una localizzazione ancora sconosciuta, e si attende di vedere in che modo saranno utilizzati.

Gli S-400 delle forze armate russe sono invece stati posizionati nella zona di Brest, quindi molto a ridosso del confine con la Polonia e pertanto in grado di sorvegliare buona parte dello spazio aereo polacco grazie ai suoi radar di lunga portata (il 91N6E ‚ÄúBig Bird‚ÄĚ pu√≤ effettuare la scoperta di un bersaglio sino a una distanza di 600 chilometri) mentre pu√≤ colpire obiettivi sino a distanze di 400 chilometri.

Quello che pi√Ļ inquieta √® che l’esercitazione si terr√† anche in una fascia di 210 chilometri dal confine ucraino ‚Äď quindi potenzialmente gli Iskander-M potrebbero colpire bersagli ben al di dentro dell’Ucraina ‚Äď pertanto c’√® chi pensa che le manovre potrebbero essere la copertura per effettuare un attacco a Kiev.

Alla vigilia delle manovre le autorit√† americane hanno affermato di considerare le esercitazioni di Russia e Bielorussia come la continuazione dell’escalation ucraina. Secondo il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki, gli eventi pianificati stanno destando preoccupazione a Washington, pertanto il Dipartimento di Stato Usa aveva ordinato alle famiglie dei diplomatici di lasciare la Bielorussia.

Mappa di Alberto Bellotto

Come notato dall’addetto stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov, le truppe russe lasceranno la Bielorussia dopo il completamento delle esercitazioni e non si √® mai parlato di dispiegamento permanente sul territorio della repubblica.

Mosca per√≤, proprio oggi, ha ordinato l’evacuazione dello staff non essenziale dalla sua legazione di Kiev, lanciando cos√¨ un altro segnale inquietante dopo il discorso del presidente Vladimir Putin durante la visita del suo omologo francese Emmanuel Macron. Il capo del Cremlino aveva infatti affermato che in caso di guerra tra Nato e Russia, ‚Äúnon ci sarebbero vincitori‚ÄĚ proprio perch√© entrambi gli schieramenti sono dotati di armamento atomico.

Dall’altra parte della barricata gli Stati Uniti stanno rinforzando il fronte orientale della Nato: sono in arrivo bombardieri strategici B-52H nel Regno Unito come chiaro segnale di deterrenza nucleare, e continuano ad affluire truppe in Polonia, a cui √® stato ordinato di essere pronte per un’eventuale evacuazione dei cittadini americani presenti in Ucraina. La Casa Bianca ha infatti approvato un piano del Pentagono riguardante i militari statunitensi in Polonia per aiutare migliaia di americani che potrebbero fuggire dall’Ucraina se la Russia dovesse attaccare, poich√© l’amministrazione Biden cerca di evitare la fuga caotica che si √® vista ad agosto in Afghanistan.

Come riporta il Wall Street Journal risulta che alcuni dei 1700 soldati dell’82sima divisione aviotrasportata dispiegati in Polonia inizieranno a creare posti di blocco, tendopoli e altre strutture temporanee all’interno del confine con l’Ucraina per prepararsi al possibile arrivo di civili americani. Le truppe non sono autorizzate ad entrare in Ucraina e non evacueranno gli americani n√© effettueranno missioni aeree dall’interno dell’Ucraina, hanno detto i funzionari della Casa Bianca: un provvedimento resosi necessario al fine di evitare possibili ‚Äúincidenti‚ÄĚ, ma un segnale ancora pi√Ļ inquietante che dimostra come a Washington diano l’invasione russa dell’Ucraina come una possibilit√† altamente plausibile.

Intanto sui mari √® cominciato il rimpiattino tra le forze aeronavali della Nato e quelle Russe: nei prossimi giorni una vasta porzione del Mar Nero, dove nelle scorse ore sono entrate diverse unit√† da sbarco russe provenienti da altre Flotte (Baltico e del Nord) sar√† interessata da un’importante esercitazione navale, che a questo punto crediamo sia anche anfibia. Nel Mar di Norvegia, invece, la Flotta del Nord √® uscita per effettuare esercitazioni ‚Äúantipirateria‚ÄĚ. Altre unit√† navali sono in azione nel Baltico dove nella giornata del 7 √® giunto a Kaliningrad un numero imprecisato di MiG-31K, la versione del cacciabombardiere che pu√≤ trasportare il missile balistico ipersonico antinave e da attacco al suolo Kh-47M2 Kinzhal.





Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l‚Äôarticolo che hai appena letto ti √® piaciuto, domandati: se non l‚Äôavessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualit√† in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo √® tutt‚Äôaltro che ‚Äúa buon mercato‚ÄĚ. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.