Guerra /

La flotta statunitense nel Pacifico è messa a dura prova dal diffondersi dell’epidemia di coronavirus: la portaerei Roosevelt è tutt’ora bloccata a Guam, ed il suo equipaggio, tra cui si registra il primo decesso per malattia, è in quarantena, determinando di fatto la messa “fuori combattimento” dell’unità.

La seconda portaerei che Washington ha nel Pacifico, la Ronald Reagan, è in porto a Yokosuka da gennaio per lavori di manutenzione – denominati Sra (Selected Restricted Availability) – ed in prospettiva, se il contagio dovesse dilagare anche su di essa dopo che due suoi membri dell’equipaggio sono risultati positivi, potrebbe fare la stessa fine della Roosevelt.

I casi di Covid-19 si diffondono nella Us Navy ed il Pentagono sta prendendo le dovute precauzioni sanitarie: la Uss Nimitz, che attualmente è in porto a Bremerton, nello stato di Washington, salperà solo dopo che l’equipaggio sarà sottoposto a quarantena, mentre cambiando oceano e passando all’Atlantico, scopriamo che la portaerei Truman resterà in mare davanti alle coste orientali degli Stati Uniti per mettere al riparo l’equipaggio dal rischio di contagio. Così la Truman che insieme alla sua scorta è di rientro da un turno operativo di cinque mesi (era salpata da Norfolk in 18 novembre scorso) che l’ha portata nella zona di operazioni della Sesta e della Quinta Flotta, dovrà posticipare i lavori di manutenzione che normalmente vengono effettuati al ritorno da crociere così lunghe, e restare in prontezza operativa anche per “tappare i buchi” nella disponibilità di portaerei per la flotta Usa.

Ad approfittare di questa situazione di debolezza della Us Navy è stata, manco a dirlo, la Cina che proprio la scorsa settimana ha deciso di far prendere il mare alla sua portaerei Liaoning che accompagnata dalla sua scorta, composta da due cacciatorpediniere type 052D (il Xining e il Guiyang), due fregate type 054A (Zaozhuang e Rizhao) e una unità da rifornimento d’altura (l’Hulunhu), ha doppiato lo stretto di Miyako entrando nelle acque del Pacifico Occidentale.

La piccola flotta cinese dopo aver attraversato lo stretto posto a sud di Okinawa – cosa che non succedeva dal giugno del 2019 – ha fatto rotta verso sud, mettendo così in allarme il governo di Taiwan che ha subito preso tutti i provvedimenti del caso: sono state allertate le forze aeree e navali per monitorare l’attività del gruppo da battaglia di Pechino.

Attività che consiste in una serie di esercitazioni che, secondo il portavoce della marina cinese Gao Xiucheng, saranno sempre più frequenti per “accelerare e implementare la capacità di combattimento dello strike group della portaerei”.

Proprio in questo mese, che rappresenta forse il più difficile per gli Stati Uniti per quanto riguarda la diffusione del virus, la Cina ha dato il via a numerose esercitazioni non solo navali: le forze terrestri e aeree, anche con operazioni congiunte, hanno cominciato manovre militari di larga portata.

Una mossa niente affatto casuale: Pechino vuole sottolineare non solo la sua capacità militare “flettendo i muscoli” ma anche dare un segnale agli Stati Uniti e ai Paesi dell’aerea indopacifica ben preciso: le Forze Armate cinesi sono in grado di gestire l’emergenza epidemica molto meglio di quelle statunitensi.

In un mondo dove la propaganda si fa per immagini, oltre che tramite il soft power, proprio quelle che raffigurano gli ufficiali cinesi in azione durante le esercitazioni senza indossare le mascherine sono un segnale forte e chiaro diretto verso Washington. Un segnale che dice a chiare lettere che se comparate con l’Esercito di Liberazione Popolare (Pla – People’s Liberation Army), le Forze Armate statunitensi sono più deboli e carenti in fatto di esperienza nel gestire operazioni non tradizionali come quelle contro il diffondersi di un’epidemia.

Ma il Pentagono non è rimasto certo a guardare: anche senza quei fantastici strumenti di proiezione di forza che sono le “superportaerei” americane, gli Stati Uniti grazie alle basi di cui dispongono nell’area indopacifica e grazie proprio alla consistenza delle Forze Armate sono pur sempre in enorme vantaggio rispetto alla Cina.

In un periodo di battaglie a colpi di propaganda è bene però ricordare al pubblico chi è che comanda (ancora). Pertanto le recenti esercitazioni congiunte tra l’Us Navy e la Marina Nipponica sono state particolarmente pubblicizzate ed altrettanto lo è stata l'”elephant walk” (il sentiero degli elefanti) visto sulla base Andersen a Guam: una lunga fila di B-52H e aerocisterne KC-135 insieme a qualche drone RQ-4 ed MQ-4 sulla pista dell’aeroporto delle isole Marianne.

Del resto avere una unità navale come la Uss America, un’unità da assalto anfibio capace di operare con gli F-35B, che incrocia nelle acque del Mar Cinese Orientale insieme a un cacciatorpediniere nipponico classe Murasame (l’Akebono), rappresenta pur sempre un bel messaggio di deterrenza per la Cina, anche al netto dei continui pattugliamenti di velivoli da ricognizione marittima americani che, soprattutto nei giorni scorsi, hanno seguito da vicino la flottiglia cinese guidata dalla portaerei Lianoning.

Anche se le portaerei maggiori americane nell’area del Pacifico sono momentaneamente fuori gioco, e considerando che gli Stati Uniti ne hanno attualmente in mare solo due (la Gerald Ford è appena rientrata a Norfolk dopo un periodo di Fleet Replacement Squadron Carrier Qualifications) rispettivamente nell’Oceano Indiano e in Atlantico, la flotta Usa dispone comunque di un potenziale di fuoco enorme da non sottovalutare dato dalle sue unità da assalto anfibio, e non è affatto un caso che in questo momento difficile ce ne siano tre coinvolte in operazioni.

È un momento difficile
STIAMO INSIEME