Terrorismo, deforestazione, epidemie: un solo luogo, molte sfide
ECCO DOVE VOGLIAMO ANDARE

C’è un conflitto quasi dimenticato che ha insanguinato lo Yemen. Anche lì, come in diversi Paesi del Mediterraneo, lo scoppio delle proteste nel 2011 ha portato a una guerra sanguinosa. Guerra che ben presto ha assunto i caratteri di un conflitto per procura. Un po’ di contesto. Nel 2012 il presidente Ali Abdullah Saleh lascia il potere in seguito alle proteste popolari e il suo posto viene preso da Abd Rabbo Mansur Hadi, già vice di Saleh. Nel giro di due anni però il governo di Hadi non riesce a contenere il potere crescente di al Qaeda nella penisola araba (Aqap), ma sopratutto la forza degli houthi appoggiati dall’Iran che, nel settembre del 2014, conquistano la capitale Sanaa. Poco meno di sei mesi dopo, le operazioni dei ribelli si allargano e, il 26 marzo del 2015, l’Arabia Saudita decide di formare una coalizione di Paesi arabi per fermare la loro avanzata. Da allora la guerra aerea ha mietuto migliaia di vittime, soprattutto tra i civili. Il tutto avvenuto in un contesto di imbarazzo sia per gli Stati Uniti che per l’Italia, tra i maggiori fornitori di armi a Riad.

Per cercare di capire l’andamento della campagna militare, ci siamo appoggiati ai dati rilevati da un osservatorio indipendente, lo Yemen Data Project, che dal marzo del 2015 prova a monitorare i raid in terra yemenita. I dati mostrano che la coalizione a guida saudita ha effettuato una media di 15 raid giornalieri, 452 al mese. In tre anni (dal 25 marzo 2015 al 25 marzo 2018) le operazioni aeree contro lo Yemen sono state oltre 16 mila. Di queste il 31% ha colpito obiettivi non militari.

Tra i governatorati più colpiti dalla coalizione c’è stato quello di Saada, il più vicino al confine con l’Arabia Saudita, capito per 3.453 volte. Molto colpito è stato anche il governatorato di Taiz che, in tre anni, ha subito 2.528 bombardamenti. Sempre secondo le analisi dello Ydp è stato possibile stabilire che il 37% dei raid (6.121) ha colpito strutture militari, mentre per il 32% di casi non è stato possibile stabilire il target dell’attacco. Secondo diverse Ong umanitarie, l’azione di Riad ha aggravato non poco le epidemia di colera e difterite che hanno colpito almeno un milione di yemeniti. In particolare, perché nei bombardamenti sono andati distrutte 456 fattorie, 195 mercati, 110 strutture per l’acqua e l’elettricità, 70 siti di assistenza medica e 63 magazzini alimentari.

Intanto sul terreno infuria la battaglia, in particolare nella città portuale di Hodeidah. Il porto principale dal quale passano cibo e beni di necessità per tutto lo Yemen da tre anni è sotto il controllo degli houthi ma negli ultimi dieci giorni le forze yemenite vicine alla coalizione e al presidente Hadi, spinte soprattutto dagli Emirati Arabi Uniti, hanno lanciato una vasta offensiva per riprenderla. I combattimenti sono ancora in corso e potrebbero servire settimane per liberarla. Ma nel caso di una sua caduta l’inerzia del conflitto potrebbe cambiare.

Qual è il crocevia del mondo di domani?
È lì che vogliamo portarvi