I ragazzi di Kiev tra kalashnikov e molotov in strada: “Pronti a morire”