I disperati dello "scheletro" di Erbil