Società /

La Prima Repubblica dell’Azerbaigian nacque il 28 maggio 1918 come primo esempio di Stato laico e democratico nell’Oriente Musulmano. Sopravvisse solo 23 mesi, ma furono sufficienti per gettare le basi del moderno Azerbaigian, tra cui il diritto di voto alle donne e un parlamento pluripartitico.

Proprio in ricordo di questa importante data l’evento cinematografico apre le sue porte il 27 maggio alle 18.00 con i saluti dell’Ambasciatore dell’Azerbaigian in Italia, di studiosi del Paese e rappresentanti istituzionali, per poi lasciare spazio al documentario “L’ultima sessione“, realizzato dal Baku Media Center con il supporto della Fondazione Heydar Aliyev e dedicato proprio agli ultimi giorni della storia, travagliata e difficile, della Prima Repubblica. Basato su documenti di archivio, il documentario racconta la coraggiosa battaglia dei fondatori della Repubblica contro nemici interni ed internazionali.

Le giornate del 28 e 29 maggio vedranno protagonisti altri 5 lungometraggi, alcuni mai proiettati prima in Italia, che apriranno una finestra sulla storia dell’Azerbaigian, ma anche su vicende personali e intime di personaggi complessi e indimenticabili.

In programma il 28 maggio “La missione eterna” alle ore 18.00 e “Ali e Nino” alle 19.30, il 29 maggio alle 16.00 “Il giardino rosso”, alle 18.00 “Giù, in fondo al fiume” e alle 20.00 “Tahimina”.

Ingresso libero con posti limitati.

Nel campo comunista di Goli Otok
SOSTIENI IL REPORTAGE