VUOI FARE UN'INCHIESTA? REALIZZALA CON NOI

Mentre l’invasione russa dell’Ucraina continua, sta diventando chiaro che è in gioco molto di più del solo futuro dell’Ucraina. Grandi cambiamenti nell’ordine globale seguiranno perché il cattivo comportamento russo sta innescando una riorganizzazione delle forniture energetiche globali.

La Russia è il secondo esportatore di petrolio sul mercato mondiale, dopo l’Arabia Saudita. È il più grande fornitore unico di gas in Europa. Prima della guerra, questa dipendenza metteva la Russia in una posizione speciale, in grado di guadagnare enormi guadagni dalle esportazioni proteggendo la nazione da molte ritorsioni. Tutto ciò ora sta cambiando.

La chiave del nuovo ordine sarà l’Europa. Con velocità e unità mozzafiato, le nazioni occidentali hanno sanzionato la Russia e bollato il paese come un paria. Molti paesi hanno avuto un ruolo, ovviamente. Ma l’Europa è stata centrale perché è la più dipendente dalle forniture energetiche russe e detiene anche la maggior parte delle chiavi per tagliare quella dipendenza.

Finora, il regime delle sanzioni ha coperto praticamente tutto tranne l’energia. Ha in gran parte chiuso l’accesso russo alle banche e allo spazio aereo occidentali; le sanzioni isolano i membri del regime e della famiglia di Putin e sequestrano i beni e le riserve finanziarie russe. Ma petrolio e gas hanno continuato a fluire, per ora, perché non ci sono alternative pratiche. Chiudere rapidamente tali forniture causerebbe enormi danni economici e probabilmente spezzerebbe l’alleanza occidentale mentre le singole nazioni cercano i propri accordi speciali. Le politiche di dipendenza sono brutte, qualcosa che l’Occidente ha conosciuto sin dalle prime crisi energetiche degli anni ’70.

La particolarità dell’Europa è il massiccio sforzo, che si sta svolgendo in questo momento, per apportare tagli permanenti alla dipendenza dalle forniture russe. Il risultato sarà un sistema energetico in Europa molto meno dipendente dai combustibili fossili e quindi molto più pulito. E per la Russia il risultato sarà un danno economico permanente che richiederà una generazione o più per riprendersi, se mai.

Nel breve termine il piano europeo è quello di trovare qualsiasi fornitura di energia che bruci e non provenga dalla Russia. Ciò significa un po’ più carbone insieme a più petrolio dal resto del mercato globale. L’Arabia Saudita e il resto dell’OPEC sono stati visibilmente inutili, rifiutandosi di deviare dai piani di produzione stabiliti prima della guerra. I vincitori di questo sforzo per trovare nuove forniture includono Libia e Iran, due paesi ai margini dei mercati petroliferi globali ma invitati a tornare rapidamente perché sono meno ripugnanti della Russia. Niente di tutto questo è politicamente elegante e niente farà molto per ridurre le emissioni, per ora, ma tutto questo isolerà la Russia.

Sostituire il gas russo sarà più difficile. Per ora, l’Europa, che acquista circa il 40% del suo gas dalla Russia, si rifornirà il più possibile da altri fornitori, ad esempio da petroliere dagli Stati Uniti. Quel gas cisterna è costoso perché deve essere raffreddato e compresso per rendere il gas un liquido, un processo che, di per sé, utilizza molta energia. Peggio ancora, l’Europa deve pagare prezzi abbastanza alti da attrarre quel gas liquefatto che, altrimenti, andrebbe ai mercati di Giappone, Corea, Cina e resto dell’Asia. Per questi motivi, il prezzo del gas naturale in Europa oggi è circa cinque volte il livello che dovrebbe essere in questo periodo dell’anno. Con il gas più costoso è arrivata l’elettricità più costosa e un freno per l’economia europea.

Nel breve termine, nel prossimo anno o due, l’Europa farà quello che deve fare. Ma a lungo termine la risposta europea è la cosa più importante. Grandi investimenti in efficienza insieme ad alternative al petrolio e al gas, come veicoli elettrici e idrogeno, metteranno l’Europa su una traiettoria di consumo molto più basso di combustibili fossili ed emissioni.

L’investimento europeo per ridurre la dipendenza dal petrolio e dal gas russo è importante non solo per l’Europa ma per il resto del mondo. Questo perché i grandi investimenti europei in nuove tecnologie ridurranno i costi e quei dispositivi a basso costo saranno disponibili per il resto del mondo. Questa logica è esattamente il modo in cui l’energia solare, oggi spesso la forma più economica di generazione di elettricità, è diventata competitiva.

È iniziato in mercati di nicchia – prima negli Stati Uniti e in Giappone, poi in Germania – e da lì la produzione globale (concentrata in Cina) ha ulteriormente ridotto i costi. Poiché le nuove tecnologie sono diventate più economiche, i loro sostenitori sono diventati anche più potenti politicamente, il che ha cementato la rivoluzione. Uno degli approcci principali per ridurre la dipendenza dal gas naturale, il passaggio all’idrogeno, è pronto per avere il suo momento solare.

Molto può andare storto ovviamente. Le elezioni  negli Stati Uniti potrebbero mettere al potere i demagoghi che renderanno più difficile per l’Occidente rimanere unito. Cina e India eroderanno inevitabilmente, un po’, l’impatto delle sanzioni occidentali acquistando forniture energetiche russe, in particolare petrolio, sul mercato globale.

Ma la cosa più sorprendente, finora, è quanto è andato bene. Dopo decenni di politica estera segnata da disaccordi e incoerenze, la crisi in Ucraina ha unificato l’Europa. E il luogo in cui tale unità è forse più evidente è la politica energetica.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.