La geopolitica della corsa allo spazio
LEGGI IL MAGAZINE IN INGLESE

La crisi economica generata dalla pandemia di Covid-19 potrebbe spingere l’India ad aderire al Partenariato economico globale regionale (RCEP), un maxi-accordo di libero scambio che dovrebbe vedere la partecipazione di Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia, Nuova Zelanda e dei dieci Paesi membri dell’Asean, tra cui ci sono Thailandia, Singapore, Indonesia e Filippine. Le trattative per il varo del RCEP sono giunte alle battute finali e malgrado la diffusione del coronavirus abbia provocato un rallentamento degli incontri,  l’intesa dovrebbe essere firmata entro fine anno. I Paesi interessati al RCEP comprendono circa il 30 per cento della popolazione mondiale e poco meno del 30 per cento del Prodotto Interno Lordo globale.

Un corteggiamento serrato

Nuova Delhi aveva abbandonato il tavolo delle trattative nel 2019 a causa dell’assenza di garanzie sulla protezione del proprio mercato interno e temendo che il proprio comparto industriale ed il settore agricolo potessero finire sotto eccessiva pressione Gli Stati membri hanno però invitato l’India a ripensarci offrendo una serie di rassicurazioni e meccanismi che dovrebbero calmare le ansie dell’esecutivo di Narendra Modi.

Il mercato indiano, con oltre un miliardo di consumatori, è particolarmente appetitoso per il blocco commerciale e la partecipazione di Nuova Delhi potrebbe essere la chiave per il successo dell’iniziativa, visto lo scenario desolante di crisi e protezionismi imperanti in Europa e negli Stati Uniti. Secondo Amitendu Palit, ricercatore presso la National University of Singapore, diverse nazioni, come l’Australia ed il Giappone, hanno compreso che la ripresa economica post-coronavirus non verrà dai mercati interni ma dagli accordi commerciali e che la partecipazione dell’India porterà benefici a tutti. Per Chan Chun Sing, ministro per il Commercio e l’Industria di Singapore, il Giappone sarebbe in favore dell’ingresso di Nuova Delhi per controbilanciare il ruolo di Pechino nel RCEP. Non è detto, però, che l’India ceda al corteggiamento: gli Stati Uniti vogliono scalzare la Cina dal suo ruolo chiave nelle catene di approvvigionamento globali e l’amministrazione Trump potrebbe sfruttare le relazioni con Nuova Delhi per attrarla nella propria sfera d’influenza.

Le prospettive

L’esecutivo di Narendra Modi dovrà compiere alcune difficili scelte nei prossimi mesi: l’adesione al RCEP e dunque alla concertazione continentale potrebbe privare l’India della sua sfera d’influenza in Asia meridionale ed esporre ancor di più nazioni come il Nepal e lo Sri Lanka alla penetrazione cinese. La partnership con Washington, invece, potrebbe venire destabilizzata dalle elezioni presidenziali di novembre: il Partito Democratico è ritenuto troppo poco assertivo nei confronti di Pechino mentre Donald Trump non ha sempre mostrato un atteggiamento duro nei confronti della leadership cinese ed è ritenuto potenzialmente inaffidabile. Sullo sfondo c’è la grave crisi economica che colpirà Nuova Delhi: il lockdown prolungato non ha rallentato la diffusione del Covid-19 e la carenza dei servizi sanitari indiani renderà difficile la gestione del morbo. Il prodotto interno lordo indiano sembrerebbe avviarsi verso un periodo di crescita zero nel 2020-2021 qualora il lockdown venga prolungato e l’economia potrebbe non essere in grado di riprendersi per i prossimi tre anni.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l’articolo che hai appena letto ti è piaciuto, domandati: se non l’avessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualità in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo è tutt’altro che “a buon mercato”. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.