Più volte negli ultimi anni la Francia, sia attraverso interventi diretti del suo governo che per interposta persona dei grandi gruppi economici e finanziari, ha guardato con interesse oltre le Alpi, all’Italia, vista come una terra di conquista in campo economico.

Il numero di marchi e ditte italiane passate sotto controllo francese è difficile da quantificare. Per citare alcuni grandi nomi: Edison, Ercole Marelli, Fiat ferroviaria, Passoni & Villa, Parmalat, Galbani, Invernizzi, Locatelli, Cademartori, Fendi, Loro Piana, Gianfranco Ferrè, Bulgari, Pomellato, Bnl e Banca Antonveneta. A cui bisogna sommare il controllo di grandi quote della grande distribuzione organizzata da parte di Auchan, Carrefour e Leroy Merlin e le scorribande finanziarie di Vivendi dirette su Mediobanca, Assicurazioni Generali, Telecom e Fininvest. Alla Francia si aprono praterie sconfinate e quando dall’Italia si prova ad agire, in scala minore, in direzione opposta, scattano le rappresaglie. Lo abbiamo visto col caso Fincantieri-Saint Nazaire, che ha scatenato la manovra del governo di Emmanuel Macron. Mentre al contempo da parte italiana si è troppe volte taciuto, accettato in maniera silenziosa o addotto il rispetto del mercato come paravento all’inazione francese.

Biasimare la Francia? Fondamentalmente è difficile. Lo Stato in Francia pensa “napoleonicamente”, sostiene i suoi campioni nazionali e ne promuove l’avanzamento economico indipendentemente dal colore della presidenza e del governo. Bene ha scritto su Atlante l’analista Alessandro Aresu: “La Francia è il Paese europeo che ha ‘inventato’ e che pratica di più il cosiddetto sovranismo, soprattutto nell’ambito economico. L’Agenzia di partecipazioni dello Stato definisce quote e obiettivi dello ‘Stato azionista’, che partecipa anche grandi gruppi industriali come Peugeot e Renault, alle cui operazioni di fusione con Fiat-Chrysler e Nissan ha apertamente supervisionato”. L’amministrazione, inoltre, “è garantita con continuità dall’alta burocrazia francese pubblica e privata, nel cui ambito è stato peraltro elaborato, da Bernard Esambert, il concetto contemporaneo di “guerra economica”.

La vulnerabilità politica dell’Italia e la fragilità del suo esecutivo, intento a cercare in ogni modo una legittimazione europea, rendono oggigiorno il Belpaese un boccone ambito per Parigi. E un obiettivo diretto per Emmanuel Macron, che deve riconquistare la fiducia del grande capitale industriale e finanziario francese in vista delle elezioni del 2022. Dunque la Francia alza il tiro. La mossa Renault-Peugeot, dando accesso ai suoi campioni nazionali al mercato americano e al settore dell’elettrico, la posiziona al centro del mercato mondiale dell’auto. Mentre l’Italia sta a guardare domandandosi se un settore da decine di miliardi di euro di Pil l’anno sia strategico o no.

Parigi va poi all’attacco anche grazie ai suoi uomini piazzati al vertice di grandi gruppi italiani. Sono francesi gli ad di Unicredit e Generali (Jean-Pierre Mustier e Philippe Donnet) che secondo voci starebbero pensando di mediare sia l’aumento delle rispettive partecipazioni in Mediobanca che l’aggregazione del gruppo di Mogliano Veneto con il colosso transalpino Axa. Inoltre, la ritrovata vis di Vincent Bollorè è sicuramente da monitorare, e non è da sottovalutare un possibile gioco di sponda con Vivendi su queste operazioni. Il rappresentante di Fratelli d’Italia Fabio Rampelliha presentato in Parlamento una mozione per l’ampliamento del golden power italiano su istituzioni critiche nel raggio dell’interesse francese come Tim e Open Fiber favorendone l’integrazione, senza però riuscire a convincere positivamente il governo. Che ha commesso un errore per la scarsa lungimiranza strategica di fronte al dinamismo francese.

Lo storico e economista Giulio Sapelli, in un’intervista al Sussidiario, ha addirittura sottolineato che l’esperienza politica personale di Matteo Renzi possa risultare funzionale al “partito francese” in Italia, evidenziando la criticità del caso dell’ex sottosegretario Pd Sandro Gozi passato a fare il consigliere di Macron. “Ora che sta per arrivare la stagione delle nomine ai vertici degli enti pubblici”, ha dichiarato l’accademico torinese, “la preoccupazione principale di Macron, muovendo quella macchina potente e perfetta che è la diplomazia francese, sarà di affermare la potenza della Francia nell’economia italiana”. Sapelli lascia implicitamente intendere che il ruolo dei renziani nelle procedure di nomine potrebbe essere tutt’altro che ostile alla penetrazione francese. E lo scenario non è affatto da ritenere illogico: la connivenza politica dei decisori italiani con Parigi è sempre stato un asset a favore dell’avanzata transalpina in Italia. A pensare male potremmo ipotizzare che verso l’Italia è pronto a arrivare un nuovo carico di Legioni d’Onore…

diventa reporter con NOI ENTRA NELL'ACADEMY