La¬†partita dell’intelligence¬†ai confini russo-ucraini √® gi√† iniziata. Anzi, si pu√≤ dire che tutto quanto si sa, oggigiorno, del braccio di ferro che vede Mosca da un lato e Kiev, col sostegno statunitense, dall’altro √® legato a quanto le¬†intelligence¬†vogliono far filtrare circa la partita a scacchi in atto.

L’intelligence ha il compito di¬†prevedere nel caos,¬†filtrare la nebbia di guerra, fungere da ghiandola pineale di Stati e apparati, regolandone il ritmo tra “sonno” (momenti di quiescienza) e veglia (momenti di azione). E dunque Russia, Ucraina e Usa hanno gi√† iniziato i loro complessi¬†giochi di spie¬†su un teatro caldo come mai lo era stato in passato.



La Russia muove le cyber-truppe

La¬†Russia¬†sta giocando su diversi tavoli usando l‚Äôarma della cyber security come potente nuovo strumento¬†negoziale, ha gi√† mobilitato le sue forze di cyber intelligence: tra il 13 e il 14 gennaio scorsi il blackout sistemico di diversi siti istituzionali ucraini, ha mostrato come potrebbe strutturarsi il giorno zero di un’invasione russa. La quale sarebbe preceduta necessariamente da un attacco volto a accecare l’infrastruttura digitale del Paese limitrofo. Il sito web del Ministero degli Esteri di Kiev, di quello dei veterani di guerra, del ministero dell’Istruzione e della scienza e del ministero delle politiche agrarie hanno visto l’offensiva sostanziarsi in un blocco totale accompagnato da un messaggio in polacco, russo e ucraino: “abbiate paura¬Ľ perch√© la vostra privacy √® stata violata e “tutti i dati personali sono stati resi pubblici”.

Secondo la dottrina della guerra senza limiti¬†Mosca si muove mostrando i muscoli su settori ben precisi come quello del cyber, ma al tempo stesso alternando, con sagacia, hard power¬†e tatto. Non si tratta della prima offensiva cyber russa all’Ucraina: nel 2014 fu attaccata la Commissione Elettorale Centrale, nel 2015 la rete di distribuzione elettrica di Kiev fu bloccata per diverse ore, nel 2017 un software distruttivo chiamato NotPetya ha sfruttato gli spazi nei programmi fiscali del governo ucraino, mandando in blackout diversi settori dell’economia per i timori di una fuga massiccia di dati. Al centro di queste azioni Sandworm, unit√† di hacker strettamente legata al Gru, l’intelligence militare russa. Ma del resto, con ambiguit√†, Mosca ha anche dato prova di voler collaborare arrestando, come ricorda¬†Cybersecurity360,¬†diversi membri del gruppo di hacker¬†REvil¬†ricercati dagli Usa. Il gruppo rappresenta “una delle bande ransomware pi√Ļ famose in Russia ed √® stato accusato di grandi attacchi l‚Äôanno scorso negli Stati Uniti che hanno interrotto le operazioni di un importante fornitore di carne, per il quale ha ottenuto un pagamento di riscatto di 11 milioni di dollari, e un altro attacco che ha colpito circa 1.500 imprese”.

La Cia si rafforza a Kiev

Questa √® l’intelligence,¬†un mondo complesso e caleidoscopico¬†dove il confine tra alleanze e rivalit√† √® sfumato e il conflitto √® permanente. Lo sanno bene gli Usa che hanno gi√† da tempo fatto avanzare i loro servizi segreti piazzando agenti della Cia a Kiev. Il 2 dicembre, attraverso il Fondo europeo per la pace (Epf), il Consiglio europeo ha concesso 31 milioni di euro in aiuti alla difesa ucraina in 36 mesi, molti dei quali rientreranno in un programma di investimento sulla cybersicurezza che vede Kiev, assieme a Georgia, Moldova e Mali, in un ristretto gruppo di Paesi assistiti. Questi fondi serviranno a organizzare le “cyber-truppe” ucraine con il sostegno della Cia e dei suoi specialisti operanti in via Volodymyrska a Kiev, sede dei servizi ucraini, in applicazione dell’Intelligence Autorization Act firmato da Barack Obama nel 2014, in cui la cooperazione ucraino-americana in tema di servizi segreti era fortemente incentivata. “La Cyber Unit Technologies (Cut) ucraina che si occupa sia dell‚Äôaspetto offensivo che difensivo √® registrata a Tallin, in Estonia, sede guarda caso del Centro di eccellenza cooperativo di difesa informatica della Nato”, nota¬†Giuseppe Gagliano¬†su¬†Il Sussidiario.



Gagliano, tra i massimi esperti di intelligence italiani, sottolinea inoltre che √® da valutare il ruolo svolto da Dai Global, societ√† di consulenza strategica americana, nel gestire il programma di potenziamento cyber ucraino e che ha stretti rapporti con “l’‚ÄôInformation Systems Security Partners (Issp), con sede a Cipro, guidato dall‚Äôucraino Roman Sologub”, avente “familiarit√† con i tipi di guerra ibrida praticati da Mosca in quanto ha una vasta presenza in Ucraina, Georgia e Kazakistan”. Un intreccio tra agenzie pubbliche, imprese e forze armate blinda l’asse di intelligence ucraino-americano, nel perfetto stile del¬†partenariato pubblico-privato¬†perseguito dagli Usa. L’avanzata di Mosca si troverebbe a dover contrastare una controffensiva informativa ben preparata.

L’Ucraina e l’infowar

E gli ucraini, dal canto loro, come partecipano al “grande gioco” delle spie, al torneo delle ombre al confine orientale? Come fonte di prima mano delle informazioni che diventano dati e oggetto di studio per gli analisti assieme ai rilievi satellitari sui movimenti delle forze russe al confine, ma non solo. Cercando di stanare presunti sabotatori russi nelle sue forze armate e nei suoi apparati, dichiarando, come fatto negli scorsi giorni, di aver¬†smantellato organizzazioni di quinte colonne fedeli a Mosca. E gestendo l’infowar interna, con il benestare del presidente¬†Volodymr Zelensky. La voce del presunto tentativo di golpe che avrebbe dovuto andare in scena a inizio dicembre con la partecipazione nelle fasi preparative dell’oligarca miliardario Rinat Akhmetov, originario di Donetsk nel Donbass e feroce rivale del capo di Stato di Kiev, ne √® un plastico esempio. I ripetuti allarmi di un’imminente invasione, che cercano di compattare il fronte dei sostenitori di Kiev, ne sono conferma. Nella nebbia di guerra Kiev si muove con le risorse che ha a disposizione, che sono ridotte ma fondate sulla conoscenza di fatti di prima mano. A testimonianza dell’importanza fondamentale dell’intelligence: permettere l’interpretazione di fatti secondo la disposizione delle chiavi di lettura fornite ai decisori politici. Orientandone le scelte con l’analisi e l’interpretazione, spesso compiuta a caldo, delle conseguenze. Come l’aumento delle tensioni di questi ultimi tempi conferma.

Dacci ancora un minuto del tuo tempo!

Se l‚Äôarticolo che hai appena letto ti √® piaciuto, domandati: se non l‚Äôavessi letto qui, avrei potuto leggerlo altrove? Se non ci fosse InsideOver, quante guerre dimenticate dai media rimarrebbero tali? Quante riflessioni sul mondo che ti circonda non potresti fare? Lavoriamo tutti i giorni per fornirti reportage e approfondimenti di qualit√† in maniera totalmente gratuita. Ma il tipo di giornalismo che facciamo √® tutt‚Äôaltro che ‚Äúa buon mercato‚ÄĚ. Se pensi che valga la pena di incoraggiarci e sostenerci, fallo ora.