Tom Secker scrive dal 2008 su filosofia e politica della paura. Vive nello Yorkshire, Regno Unito. Il suo scrittore politico preferito è George Orwell.
Tom Secker ha prodotto due video e un libro sui bombardamenti del 7/7. Mantiene una mente aperta su ciò che accade, ma è molto sospettoso nei confronti della narrazione ufficiale del governo britannico. Nell’agosto 2015 ha dichiarato di ritenere più probabile che Hasib Hussain, Mohammad Sidique Khan, Germaine Lindsay e Shehzad Tanweer siano stati costruiti dai loro sddestratori in un’operazione in stile Gladio.
Tom Secker ha prodotto due siti web accreditati e raccomandati (Investigating TheTerror.com e Spy Culture.com) ed è molto interessato alle connessioni tra l’industria dell’intrattenimento e lo spionaggio. Le sue ricerche hanno evidenziato dei difetti nel modo in cui la polizia metropolitana tratta le richieste della FOIA.
Tom Secker ha realizzato una serie di podcast “Disinfowars” per Boiling Frogs Post/NewsBud sul terrorismo sponsorizzato dallo Stato, la storia nascosta e altro ancora.
Tom Secker è un “ricercatore, scrittore, podcaster e regista britannico specializzato nei servizi segreti, in particolare il loro coinvolgimento nella cultura popolare e nel terrorismo”, secondo il suo canale vimeo dove va in onda il video podcast ClandesTime, un programma sui media e la propaganda, critica e analisi, Hollywood e la CIA, la giustizia penale e lo stato geopolitico profondo.
National Security Cinema è un libro del 2017 di Tom Secker e Matthew Alford.

ARTICOLI


; ;